Straordinari, sindacati divisi, Confindustria esultante

21.05.2008 15:57
Straordinari, sindacati divisi, Confindustria esultante

Comincia male il confronto tra governo e parti sociali. Cgil: “Non aumenta la produttività”. Per Ferrero la proposta "spinge gli operai ad allungare il loro orario di lavoro", e va “contrastata con ogni mezzo”

di Fabio Sebastiani

Sindacati divisi e Confindustria esultante e in piena sintonia con il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi. Il primo "incontro concertativo" del Berlusconi IV, con il Cavaliere assente ingiustificato, non poteva andare peggio per il sindacato. Il governo con un colpo solo ha dato il via alla detassazione di straordinari (solo per i privati, sperimentale e con le modalità già annunciate in questi giorni dai giornali), premi di risultato e incentivi e, nello stesso tempo, alza una densa cortina fumogena sul famigerato tesoretto. Il divieto di cumulo tra pensioni e reddito, che non è stato inserito ne confronto, resta, stando a quanto ha detto Sacconi un obiettivo in agenda.

Il funambolico ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, intanto, è ancora al lavoro e ieri ha fatto sapere che i provvedimenti su Ici e straordinari, che ufficialmente vedranno la luce oggi nel corso del Consiglio dei ministri a Napoli, saranno coperti «con la corrispondente riduzione di voci di incremento discrezionale e non particolarmente produttivo della spesa pubblica», ovvero il milleproroghe. Ma andiamo con ordine. Il segretario generale della Cgil è profondamente deluso. «Era meglio partire dalla strada principale, dalle detrazioni ai redditi da lavoro dipendente (a cui Prodi aveva destinato il tesoretto, ndr), dal sostegno alla domanda; sarebbe stata una misura più lineare e a più ampio raggio», ha commentato all'uscita dell'incontro ieri a palazzo Chigi tra le parti sociali. «La detassazione proposta non serve ad un aumento della produttività perchè la differenza la fa solo un aumento di quella oraria che questo intervento non farà salire», ha spiegato il leader della Cgil. Non solo. A preoccupare la Cgil anche l'eslusione del pubblico impiego che «dividerà i lavoratori». Una divisione non solo verticale ma anche orizzontale e tanto più pesante quanto più la pubblica amministrazione ha proceduto all'esternalizzazione dei servizi.
Le criticihe della Cgil si sono appuntate anche contro il taglio dell'Ici e diffidenza sulle garanzie offerte dal governo: «Non basta solo dire che restituirà l'Ici ai comuni - ha aggiunto Epifani - ma deve dire anche che lo farà contestualmente perchè altrimenti si apriranno molti problemi». Di segno opposto i commenti della Cisl e della Uil. Secondo Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl, i provvedimenti del Governo rappresentano «una prima risposta al grave problema dei bassi salari e stipendi». Più o meno dello stesso tono la dichiarazione del segretario generale della Uil, Luigi Angeletti. «Mi sembra che la proposta possa rispondere alla richiesta di puntare sulla crescita dei salari e della produttività», ha detto nel corso del suo intervento al tavolo di confronto con il Governo. L'unica "nota stonata" sottolineata unitariamente è l'esclusione del Pubblico impiego.
Per il segretario generale dell'Flc-Cgil, Enrico Panini, si tratta di un «fatto ancor più grave e inaccettabile». «Una decisione incostituzionale - ha aggiunto Panini - che penalizza ulteriormente il lavoro pubblico e gli sforzi per una sua qualificazione». Netto, infine, il giudizio dell'ex ministro Paolo Ferrero. La proposta avanzata dal governo Berlusconi, e in particolare il ministro Tremonti, «vuol dire una cosa sola: invece di usare il tesoretto - e cioè i proventi della lotta all'evasione fiscale ottenuti dal governo Prodi - per ridurre le tasse a tutti i lavoratori e quindi aumentare il livello medio di tutte le retribuzioni, vogliono usare queste risorse, soldi che sono di tutti gli italiani, per spingere i lavoratori a produrre e dunque a lavorare sempre di più». «Si tratta di una proposta evidentemente inaccettabile - ha aggiunto Ferrero - perché, oltre alla beffa di stipendi da fame, vuole spingere gli operai ad allungare il loro orario di lavoro, sottoponendoli a unintollerabile sfruttamento. E' una proposta che contrasteremo con ogni mezzo».


Liberazione, 21 Maggio 2008

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode