«Sono attacchi fascisti, tipicamente fascisti», don Roberto Sardelli, il prete della scuola 725

27.05.2008 19:22

 

 

«Sono attacchi fascisti, tipicamente fascisti», don Roberto Sardelli, il prete della scuola 725 - la scuola che negli anni '60 accoglieva i bambini che vivevano nelle baracche dell'Acquedotto della Tuscolana - ha ben pochi dubbi sulla matrice dell'assalto di venerdì sera al Pigneto

 

Davide Varì
«Sono attacchi fascisti, tipicamente fascisti», don Roberto Sardelli, il prete della scuola 725 - la scuola che negli anni '60 accoglieva i bambini che vivevano nelle baracche dell'Acquedotto della Tuscolana - ha ben pochi dubbi sulla matrice dell'assalto di venerdì sera al Pigneto.
Certo, è un nuovo fascismo. Un fascismo che si genera nelle megalopoli moderne le quali, sempre secondo Sardelli, «sono le responsabili prime del vuoto dei ragazzi».
Modello fascista e vuoto interiore dunque, una miscela esplosiva che genera episodi come quelli del Pigneto o di Verona. E di fronte a tutto questo don Sardelli denuncia l'immobilismo di una giunta di centrosinistra che ha governato per 15 anni la capitale senza mai affrontare la questione delle periferie romane. Parla di vero e proprio «fallimento» don Sardelli, e di una città sempre più blindata e impaurita pronta ad accogliere solo «gli immigrati che servono: badanti e operai edili».

Prima l'assalto di Verona, e oggi quello di Roma. E' un nuovo fascismo oppure è qualcos'altro: una violenza diffusa cui si deve trovare un nome?
L'assalto del Pigneto ha tutta la simbologia tipicamente fascista. E' stata un'azione di gruppo contro un singolo. E poi erano armati di bastone, l'arma simbolo dei fascisti. Certo, quei ragazzi probabilmente non sono iscritti a nessuna organizzazione di destra, ma ciò non toglie che le modalità dell'assalto fanno riferimento a quel paradigma. Nelle nostre città c'è un'aria di aggressività diffusa che ha raggiunto livelli impressionanti. I problemi vengono risolti esclusivamente con la forza e l'episodio del Pigneto si inserisce in questa dinamica. Eppure, qualcosa si muove. Proprio il Pigneto, per esempio, si è mobilitato organizzando manifestazioni di solidarietà per quanto accaduto al ragazzo aggredito. Del resto, nel suo strato più antico, quel quartiere è abituato alla comprensione del diverso. Le frange violente sono isolate e riguardano esclusivamente i giovani che si rifanno a comportamenti e dottrine che i vecchi hanno vissuto sulla propria pelle. I ragazzi invece non hanno un'esperienza diretta del fascismo, e di fronte al proprio vuoto si rifanno a quel modello violento e aggressivo.

Dunque siamo di fronte ad una forma moderna di fascismo. Un fascismo disorganico che di quell'ideologia ha mantenuto la violenza...
Certo, quando un gruppo di ragazzi si riunisce e organizza un'azione punitiva contro un migrante siamo di fronte al fascismo e alla xenofobia.

Complice anche la valanga massmediatica che sta dipingendo ogni forma di diversità culturale come pericolosa e criminale?
Sì, io non dico che l'immigrazione non crei problemi nelle città, ma le questioni vanno risolte in altro modo. Gli abitanti vanno coinvolti nei processi decisionali attraverso la creazione di tavoli di quartiere. D'altra parte il problema della sicurezza delle città prescinde dal fenomeno immigrazione. Stiamo costruendo città fortezza con mura di cinta, porte blindate e cani da guardia. E' una tendenza di tutte le megalopoli del mondo non solo di quelle italiane. Quando a New York non posso salire in metropolitana dopo una certa ora, non è certo per colpa dei rom o dei romeni. E' la megalopoli stessa, la sua struttura che genera comportamenti aggressivi.

Come si può gestire questa situazione? Roma è stata governata per quindici anni dal centrosinistra, eppure i problemi son tutt'altro che risolti...
Quella del centrosinistra è stata un'esperienza fallimentare. Hanno ignorato del tutto le politiche delle periferie e non hanno affrontato alcun nodo di fondo. Anche sui migranti la gestione è stata assolutamente disastrosa. Qualsiasi provvedimento nei confronti dei migranti dovrebbe iniziare con queste parole: chiunque lasci il proprio paese spinto dal bisogno è benvenuto in questa città. Da lì in poi iniziamo ad affrontare i problemi. Il sindaco Alemanno è venuto a stringere la mano al ragazzo picchiato al Pigneto ma lui è il coautore di un disegno di legge che criminalizza i clandestini in quanto tali. Siamo nel regno dell' ambiguità. L'idea del reato di clandestinità è semplicemente folle, una persona non può essere perseguita solo perchè passa da un paese all'altro.

Sembra che gli italiani chiedano una migrazione su "ordinazione": sì alle badanti che curano i nostri anziani, ma no alla persona che viene qui in cerca di una vita degna...
E' un classico del solidarismo. Anche in parrocchia si verifica questa dinamica. Quando si tratta di aiutare "l'africano" a distanza tutto bene, ma quando quell'africano te lo trovi in casa nascono i problemi. I migranti vanno bene solo quando sono utili. Ma sè quel migrante fa un passo di troppo viene cacciato. Siamo immersi in una società perbenista, formale e impaurita.


Liberazione 27/05/2008

 

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode