Somalia, rapiti due italiani. Primi contatti: «Stanno bene»

22.05.2008 14:30

Somalia, rapiti due italiani. Primi contatti: «Stanno bene»

 

Jolanda Occhipinti e Giuliano Paganini prelevati nel sonno da uomini armati. Lavorano per il Cins
 

di Emanuele Piano
Li hanno prelevati ieri notte verso le quattro e trenta del mattino nel piccolo villaggio di Awdeghle, ad una settantina di chilometri a sud di Mogadiscio. Una decina di uomini armati sono scesi da due tecniche - delle jeep armate con della artiglieria pesante -, hanno scavalcato le recinzioni del complesso dove dormivano e hanno disarmato le guardie. I rapitori si sono poi diretti verso le stanze dei due operatori della Ong italiana Cins, Jolanda Occhipinti e Giuliano Paganini, ed il loro collega somalo, Abdurahman Yusuf Arale. Hanno preso i loro portatili, li hanno bendati e sono fuggiti indisturbati. Con le auto sarebbero andati in direzione di Afgoye. Questa è la ricostruzione della fasi del rapimento raccolta da Liberazione da un responsabile della sicurezza locale che ha chiesto di restare anonimo.
Dopo le prime ore d'apprensione, il Cins è riuscito a stabilire un s«contatto» con il gruppo dei sequestratori: «I nostri volontari stanno bene, non hanno subito violenze. E siamo fiduciosi in una rapida liberazione», ha spiegato una responsabile dell'ong aggiungendo che alla base del sequestro «pare ci sia stato un equivoco: i rapitori erano convinti che i cooperanti stessero costruendo una Chiesa».
I due italiani erano in Somalia per un progetto finanziato dal Ministero Affari Esteri per il "Miglioramento della produzione agricola e dei livelli di vita delle Comunità del Distretto di Awdegle, Basso Shabelle, Somalia". Le attività, che dovevano ancora cominciare e che dovrebbero durare un paio di anni, erano relative al recupero dei sistemi irrigui, all'incremento della agricoltura e ad attività generatrici di reddito.
La zona di Awdeghle dove lavoravano era già stata oggetto, nelle scorse settimane, di attacchi da parte dei sostenitori delle deposte Corti Islamiche che si oppongono al governo transitorio somalo e alle truppe etiopi presenti in Somalia dal dicembre 2006. Il 2 maggio un minibus era stato fermato dalle truppe governative ad un posto di blocco appena fuori dal centro abitato. Vi era stato uno scontro a fuoco tra i soldati e gli islamisti, al quale avevano partecipato anche le guardie a protezione del compound del Cins, che si erano sentite sotto attacco. Durante la sparatoria erano morte tre persone: una delle guardie della Ong, un militare ed un islamista.
«Quello era stato un primo avvertimento, ma nessuno lo ha raccolto», ci dicono fonti da Merka, la capitale amministrative del Basso Shabelle. Una settimana fa, infatti, tutto il personale straniero presente nella zona era stato evacuato. Era stato inviato un aereo per provvedere allo spostamento degli stranieri a Nairobi, ma gli italiani avevano deciso di non salire sul volo restando gli unici non-somali presenti nell'area. Tanto preoccupante era stata la scelta dei due cooperanti da spingere il Somalia Ngo Consortium - forum che raggruppe le realtà di cooperazione che opero nel Paese del Corno d'Africa - a scrivere una lettere al Cins per sollecitare la partenza dei due italiani. Troppo tardi.
Raggiunto da Liberazione al telefono a Mogadiscio, il governatore del Basso Shabelle, Abdulkadir Sheikh Nur, si è detto sconfortato. «Era più di una settimana che cercavamo di contattare i due italiani ed il loro referente somalo, noto come Mr. John. Gli avevamo chiesto di venire a Merka perché Awdeghle è troppo isolata e non potevamo garantirgli la sicurezza. Volevamo che si registrassero, ma loro hanno rifiutato. Li ho anche chiamati personalmente, ma non c'è stato niente da fare», ci ha detto Sheikh Nur. Nella zona, oltre al già menzionato incidente, vi sono stati degli scontri tra le truppe etiopi ed i rimasugli delle Corti islamiche. Ed è proprio sull'ala più radicale degli insorti islamisti che in queste ore si punta il dito: gli Shabaab, la gioventù islamica, da qualcuno paragonata ai talebani. Il business dei rapimenti, soprattutto delle navi al largo delle coste somale, è sempre più fiorente. Il timore però è che questo sia però un sequestro di stampo politico. Gli Shabaab, da quando gli americani hanno bombardato ed ucciso il loro leader Aden Hashi Ayro, avevano annunciato che gli stranieri in Somalia sarebbero diventati «un obiettivo legittimo». Altri osservatori ipotizzano un rapimento "tradizionale" necessario a regolare fra i clan i morti della sparatoria al posto di blocco. Le vittime, infatti, appartenevano tutte agli Haber Gidir e al sottoclan degli Ayr.


Liberazione 22/05/2008

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode