Sinistra Arcobaleno - un programma "di parte"

07.03.2008 17:46

Sinistra Arcobaleno. Un programma “di parte” . Perché la vera democrazia deve includere tutti

bertinotti_sinistra_inf--200x150.jpgTutele, diritti, ricchezza, libertà, partecipazione. La sostanza della democrazia nel programma della lista unitaria

 

di Anna Maria Bruni


Ecco il programma della Sinistra Arcobaleno. E’ stato presentato ufficialmente ieri nella sala delle Carte geografiche dal candidato premier Fausto Bertinotti insieme a Franco Giordano, Diliberto, Salvi e Pecoraro Scanio, segretari (a parte Salvi, in rappresentanza) rispettivamente Prc, Pdci, Sd e Verdi, i quattro partiti che compongono la lista unitaria.

La proposta si presenta snella ma densa nei contenuti. Riprende quanto fu voluto da Rifondazione nel programma dell’Unione e poi osteggiato dagli stessi partiti della coalizione che lo avevano firmato, per chiarificarlo e puntare dritti all’obiettivo.

D’altra parte troppe sono le questioni ormai irrimandabili: la stabilità del lavoro e la sua sicurezza, la tutela delle libertà personali nelle scelte che riguardano la propria vita, come l’aborto,  la procreazione assistita, le unioni civili; la tutela dei servizi primari come casa, salute, istruzione, trasporti.

E non è più possibile cedere terreno né sulla questione degli armamenti né tantomeno sulla partecipazione alle missioni militari, punti sui quali l’intransigenza non solo è un fatto di vita o di morte nel vero senso del termine, ma per di più sostanziali oggi nel ridisegnare la rotta verso una società diversa, pacifica e autenticamente democratica.

Ma anche giustizia e uguaglianza sono tratti sostanziali della democrazia, oggi così pericolosamente minati. E allora diventano ineludibili in un programma che, dichiarandosi esplicitamente “di parte”, cioè schierandosi dichiaratamente con i lavoratori, i migranti, le donne, tutti i soggetti che reggono questo sistema ma a cui il sistema restituisce mancanza di tutele, diritti, ricchezza, partecipazione, in realtà restituisce democrazia all’intero paese. Perché la democrazia o è sociale o non è. E allora non può non essere un punto del programma dire No alla Tav, No al Mose, No al ponte sullo stretto e No alla base militare a Vicenza, perché questi No vengono dalle persone che abitano questi territori, vengono dalle loro argomentate prese di posizione, dalle loro lotte, dalla loro resistenza, dalla fantasia che impegnano per tenere ferma la loro posizione, dalla loro esplicita ‘pretesa’ di partecipazione, ma di più, dalla loro volontà di decidere, di autodeterminarsi. Ecco la democrazia, e questo non può non essere un punto del programma.

E altrettanto vale per l’abolizione della Bossi-Fini e per il voto ai migranti, citati chiaramente nel punto del programma che riguarda l’inclusione, e altrettanto vale per i tagli ai privilegi, che indicano un livellamento degli stipendi istituzionali, così come per la redistribuzione del reddito: salario minimo a 1000 euro, recupero fiscale dell’inflazione, reddito sociale per i disoccupati e tassazione delle rendite al 20 %.

E altrettanto vale, infine, per l’informazione, autentica sentinella contro tutto ciò che mina la libertà, perché ‘sapere’, essere informati, vuol dire poter entrare nel merito, contestare, decidere. Tra l’altro in questo capitolo c’è un passo in più, che va addirittura oltre la tutela della libertà di informare ed essere informati, perché permette la tutela della possibilità di farla, l’informazione: è il punto che apre a nuove forme del diritto d'autore, che prevede cioè la possibilità di aderire a nuove forme di tutela che lascino aperta la strada ad usi sociali come le Creative Commons.

Fausto Bertinotti non ha dubbi, è il momento di “Ricominciare”.

 

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode