«Scuola, i debiti si salderanno entro l'anno»

04.06.2008 14:17

«Scuola, i debiti si salderanno entro l'anno»

 

La ministra Gelmini sui corsi di recupero di Fioroni. Oggi il Consiglio di Stato decide. E intanto: class action contro il caro-libri

Laura Eduati
Scuola agli sgoccioli, eppure professori e studenti delle scuole superiori rimangono ancora all'oscuro sul destino dei corsi di recupero introdotti lo scorso inverno dall'ex ministro Fioroni e che potrebbe costringere migliaia di ragazzi con alcune materie insufficienti a rimanere sui libri quest'estate per poi accedere agli esami di riparazione entro il 31 agosto.
Proprio oggi il Consiglio di Stato è chiamato a decidere sulla legittimità dei corsi di recupero, su ricorso straordinario al Presidente della Repubblica presentato dai Cobas. Se i giudici accoglieranno il ricorso, spariranno i "rimandati" e torneranno i "promossi con debito" e, dunque, gli studenti in difficoltà passeranno una estate comunque spensierata. Oppure, come è probabile, la neo ministra Maria Stella Gelmini potrebbe decidere di correre ai ripari con una circolare che il ministero dell'Istruzione ha già approntato per limitare i danni: la stragrande maggioranza degli istituti, infatti, ha già organizzato i corsi di recupero estivi e un "niet" del Consiglio di stato getterebbe nel caos le segreterie didattiche.
«Il tema dei debiti formativi è delicato» ha commentato Gelmini garantendo che una circolare è già pronta per correggere «alcune rigidità previste dal ministro Fioroni, ma mantenendo la necessità di colmare i debiti entro l'anno». In realtà, la ministra dell'Istruzione non si è detta contraria agli esami di riparazione, ma preferisce rimandare la discussione alle commissioni di Camera e Senato.
Piero Bernocchi dei Cobas attende il verdetto del Consiglio di Stato: «Quella di Fioroni è stata un'invenzione elettorale, da 15 anni chiediamo corsi di recupero fatti seriamente e invece sono arrivate 4-5 ore di lezioni aggiuntive: una cialtroneria».
Secondo il decreto Fioroni dello scorso ottobre, le scuole superiori sono tenute a colmare le lacune degli studenti con debito formativo attraverso delle ore extra di lezione, e comunque non oltre il 31 agosto. Se lo studente non recupera, verrà bocciato. I corsi di recupero sono a carico della scuola, tenuti dai docenti interni oppure da professori in graduatoria o da supplenti. Tuttavia, come hanno lamentato i sindacati degli insegnanti e degli studenti, per mancanza di fondi spesso le scuole hanno potuto offrire soltanto qualche ora di recupero e non per tutte le materie; altri istituti hanno dovuto dichiarare l'impossibilità di organizzare corsi estivi di recupero in quanto al docente viene garantito uno stipendio fino a 50 euro l'ora, cifra esorbitante; in altri casi, il recupero estivo viene a mancare poiché collide con le ferie estive dei docenti o con quelle dei genitori degli studenti. Persino la scadenza del 31 agosto per la verifica finale ha provocato seri problemi, in quanto molte scuole potrebbero arrivare a settembre senza sapere come formare le classi dell'anno successivo, con conseguenti ritardi nella chiamata dei docenti.
L'Uds (Unione degli studenti) spera nell'abolizione dei corsi di recupero per risanare la disparità di trattamento degli studenti all'interno di uno stesso istituto e nel territorio italiano: «Il dato politico che cogliamo è la discriminazione di fatto generatasi tra gli studenti» e cioè tra coloro che potranno accedere ad un recupero di almeno 15 ore per tutte le materie e chi invece dovrà accontentarsi di mini-corsi soltanto sulle materie di indirizzo, dovendo poi rivolgersi alle classiche lezioni private di un tempo.
Più in generale, sulla riforma della scuola dell'era Berlusconi IV la nuova ministra Gelmini spera di coinvolgere anche l'opposizione in un dibattito scevro da ideologie. Per il momento, aggiunge, attuerà soltanto dei cambiamenti «per via amministrativa». Cautela apprezzata dalla ministra-ombra Maria Pia Garavaglia (Pd): «Se a ogni fine anno si introducono innovazioni per l'anno successivo la conseguenza è che insegnanti, studenti e famiglie vengono presi dal disorientamento. Questa cautela da parte del ministro mi sembra una forma di rispetto nei confronti della scuola«
Tra le novità anticipate da Gelmini, anche una task force contro il bullismo e il ritorno dell'educazione civica. Nel frattempo il Pdl si prepara a riformare la scuola italiana in senso manageriale: è il succo della proposta di legge della neo presidente della commissione Cultura della Camera, Valentina Aprea, secondo la quale è ora di introdurre i consigli di amministrazione per le scuole, garantendo la possibilità di fondi pubblici e privati, introducendo inoltre una carriera per gli insegnanti. L'idea portante della proposta è la libertà di scelta delle famiglie, che sposterebbe i finanziamenti a seconda delle loro preferenze, nel pubblico o nel privato. Ciò decreterebbe la morte della scuola pubblica e introdurrebbe la competizione aperta tra gli istituti, in base anche al gradimento delle famiglie.
E intanto il nuovo anno scolastico si apre in anticipo con una class action contro gli editori dei libri scolastici. Duecento persone hanno già aderito alla causa collettiva contro le case editrici dei testi scolastici, ritenute responsabili dell'esoso aumento dei prezzi dei libri. La cuasa è stata lanciata dall'associazione dei consumatori Adoc, secondo la quale le case editrici avrebbero costituito un cartello per lievitare il prezzo dei testi scolastici del 10-15% ogni anno. Già l'Antitrust aveva riscontrato delle anomalie: quattro editori coprono il 60% del mercato, facendo ipotizzare un coordinamento per evitare di farsi concorrenza. Secondo lo studio dell'Adoc, la famiglia di uno studente di liceo nel 2006 ha dovuto sborsare 366 euro e l'anno successivo ben 420 euro con un rialzo del 14%.
Se la causa andrà a buon fine, le case editrici incriminate dovranno pagare un risarcimento milionario. Quasi ovvia la reazione dell'Associazione italiana editori (Aie): «Una class action? Assolutamente fuori luogo e ai limiti dela fantascienza». Per il presidente Federico Motta le cifre fornite dalla Adoc sono gonfiate e immotivate: «Negli ultimi cinque anni sono sempre stati sotto il tetto dell'inflazione e non hanno nulla a che vedere con queste percentuali a due cifre: non lo diciamo solo noi, sono disponibili sul sito dell' Istat».


04/06/2008

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode