Scuola pubblica, università accessibile, sostegno alla ricerca. Con la determinazione di sempre

26.05.2008 16:08

 

Scuola pubblica, università accessibile, sostegno alla ricerca. Con la determinazione di sempre

Grande la partecipazione all’attivo nazionale dedicato al merito delle questioni politiche, sulle quali ricominciamo a lottare

di Gennaro Loffredo, responsabile nazionale scuola e formazione Prc
 

Non era per nulla scontato che l’attivo nazionale dei dipartimenti scuola, università e ricerca di domenica scorsa avrebbe avuto una partecipazione così soddisfacente.  Era forte il rischio, da tutti/e avvertito, che i compagni e le compagne subissero quel ripiegamento su se stesso cui il partito può essere indotto dalla vicenda congressuale. Non era facile nemmeno tenere il dibattito al riparo dalle dinamiche congressuali, sviluppando una discussione tutta di merito, come invece siamo riusciti a fare. Se ciò è avvenuto, lo diciamo con una punta d’orgoglio, è per la scelta praticata in questi anni dai compagni e dalle compagne dell’Area della Conoscenza di valorizzare i contributi di tutti/e senza alcuna preclusione dettata da appartenenze congressuali (e quanto il “correntismo” pesi nella vita del nostro partito è cosa ben nota!).
 
C’è da dire, semmai, che negli accenni al congresso di quanti sono intervenuti, il denominatore comune è stato il richiamo all’unità del partito ed al mantenimento, anche in futuro, di questo metodo di lavoro. Non per un generico richiamo ad una sorta di “mozione degli affetti”, pur comprensibile in questo momento, ma perché è emersa con nettezza la durezza della fase che si è aperta con la vittoria delle destre anche nei settori della conoscenza. 
 
Anche se la nuova ministra non ha ancora rilasciato dichiarazioni programmatiche, la sua “carta d’identità”, rappresentata da un disegno di legge presentato alla fine della passata legislatura, indica chiaramente la direzione di marcia. Chiamata diretta dei docenti da parte dei dirigenti scolastici, concorrenza tra le scuole pubbliche e tra queste e le private, buono scuola, generalizzazione dei test d’accesso alle università, aumento delle tasse a carico degli studenti fuori corso, soppressione degli enti di ricerca pubblici, e altro ancora. Un insieme di misure che prefigurano la totale destrutturazione dei sistemi pubblici - di istruzione, universitario e di ricerca – consegnati senza rimedio al mercato.

È con questa consapevolezza che, a partire dalle relazioni introduttive, si è sviluppato un dibattito ricco di spunti analitici e di proposte per organizzare una resistenza efficace all’offensiva che ci troveremo a fronteggiare già dai prossimi mesi. Cominciando dai lasciti negativi e dai problemi non risolti ereditati dal precedente governo, come - per quanto riguarda la scuola - le assunzioni dei precari, i tagli agli organici e il recupero dei debiti, sui quali si è deciso di sviluppare iniziative di denuncia e di pressione prima della conclusione dell’anno scolastico. Ma anche individuando temi che incrociano le contraddizioni presenti nella società, quali la laicità, l’interculturalità, la partecipazione democratica, i diritti sindacali, sui quali produrre riflessioni, elaborazione collettiva, strumenti d’intervento nelle scuole e nelle università.
 
Rivolgendo la nostra attenzione agli studenti, spaccato importante di un mondo giovanile del quale dobbiamo saper leggere le domande per costruire, insieme a loro, risposte più avanzate di quelle rappresentate dalle forme polverizzate di socialità cui sono quotidianamente assoggettati. Provare, insomma, a fare delle scuole e degli atenei un terreno privilegiato d’intervento, per contrastare l’egemonia della destra e le tendenze alla rassegnazione, per rafforzare la cura di valori fondanti come l’uguaglianza e la libertà – del pensiero, dell’insegnamento e dell’apprendimento, della cultura – che hanno sempre costituito il migliore antidoto contro i tentativi di stravolgimento della funzione istituzionale di scuola e università.
 
Sono compiti impegnativi che richiedono una forte determinazione del nostro partito e, insieme, uno sforzo collettivo di tutte le forze politiche e associative della sinistra. Per questo, già a partire dalle prossime settimane, abbiamo deciso di promuovere una ripresa del confronto con i soggetti che avevano costituito il tavolo “Fermiamo la Moratti” e che avevano mantenuto una continuità di lavoro anche nella legislatura da poco conclusa con la “Sinistra per la Conoscenza”.

Alla tribunetta della sala Libertini, nella quale si è tenuta la riunione, era affisso un manifesto con lo slogan, sullo sfondo di una immagine della grande manifestazione del 20 ottobre, “Rifondazione c’è  e continuerà a lottare con i precari della cultura, dell’università, della ricerca, della scuola e per il diritto alla conoscenza come bene comune”.

La conclusione del nostro attivo ci dice che è possibile tradurre queste impegnative affermazioni in pratiche politiche concrete. Dipende solo da noi.
 
 

26 Maggio 2008   

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode