Pigneto, marea anti-razzista, «Un'aggressione politica»

27.05.2008 19:20

 

 Pigneto, marea anti-razzista, «Un'aggressione politica»

 

La storia del portafoglio, al Pigneto, non se la beve nessuno

 

Laura Eduati

La storia del portafoglio, al Pigneto, non se la beve nessuno. O quasi.
L'indiano Sat Paul, uno dei commercianti assaliti dal gruppo di incappucciati armati di mazze e spranghe, racconta per l'ennesima volta che i picchiatori se la sono presa per un portafoglio rubato. E' la versione fornita dalla Digos, secondo la quale il movente dell'aggressione non è politico. Ma se c'entra soltanto lo scippo, perché allora rompere le vetrine e minacciare anche i due negozianti bengalesi all'angolo con l'isola pedonale, ovvero ad almeno 100 metri dal negozio di Sat Paul?
«Lascia perdere il razzismo», invita un algerino di nome Nasser, seduto sul gradino di una casa con una bottiglia di birra in mano. «La convivenza al Pigneto è un fatto reale». Pochi metri ancora, e un barista italiano dà voce alla sua indignazione: «Da anni denunciamo gli schiamazzi e lo spaccio di droga, ma la polizia viene soltanto quando spaccano una vetrina. E gli altri residenti, non hanno forse il diritto di vivere in pace e protetti dalle istituzioni? Guarda qui», e indica una siringa infilata sul crepaccio del marciapiede, «queste cose non le vedevo dagli anni '80». Mancano pochi minuti alla manifestazione in solidarietà con i commercianti colpiti, e nelle vie traverse di via del Pigneto circola la lettura della selvaggia aggressione: regolamento di conti. Uno sgarro. Forse usura. Forse droga. La radio del quartiere è sintonizzata su questo canale. «So che molti ragazzi italiani e stranieri chiedono dei soldi, pochi spiccioli, per comperarsi una birra da questi commercianti. Forse ad un certo punto il debito è diventato troppo oneroso» azzarda un giovane pakistano dal forte accento romano. Non regge.
L'isola pedonale, calda di sole che fa sudare, si riempie velocemente di persone, telecamere, giornalisti. I residenti si affacciano dalle finestre, ascoltano il bengalese Mohamad Kibria che al megafono accusa il governo e la stampa di alimentare il razzismo: «Senza immigrati l'Italia non funziona!». Bianca, musicista e residente nel quartiere, regge uno striscione che vuole il Pigneto "libero da speculatori fascisti e razzisti". Lei non crede al regolamento di conti: «La situazione è gravissima, vogliono colpevolizzare la clandestinità quando invece dobbiamo accogliere gli stranieri». Il corteo deve ancora partire, ma è già gonfio di partecipanti, specialmente stranieri, decine e decine i bengalesi, gli indiani, i pakistani, gli africani. Lo striscione iniziale è dell'associazione Bangladesh: "Solidarietà agli immigrati colpiti dal razzismo". Il leader Bachu chiarisce che «non importa cosa scrivono i giornali, per noi questo è un atto di razzismo e dunque un atto politico» e immediatamente ottiene l'osanna dei suoi connazionali che urlano: "Basta!".
Migranti e stranieri insieme si mescolano, ma il protagonismo è indiscutibilmente dato alle vittime del raid, uomini e donne, alcune velate, alzano le mani e reggono un foglietto bianco scritto a computer: "Contro ogni violenza e discriminazione". Cantano slogan nella loro lingua, e in italiano. Una banda suona le percussioni, un sound-system manda musica montato su di una bicicletta.
La partecipazione è enorme, superiore a quella prevista: alla fine si conteranno circa tremila manifestanti. Alcune residenti del quartiere strepitano: «E' ridicolo, qui non si parla di razzismo ma di convivenza civile, siamo invasi dalla microcriminalità italiana e straniera». Vivono accanto all'isola pedonale, sono stufe marce delle bisbocce notturne dei nottambuli. Un problema diverso, le sprangate sono tutt'altra cosa. Le loro urla vengono travolte, una fiumana le circonda, famigliole, uomini e donne, bambini che vogliono manifestare contro il razzismo, punto.
Il corteo parte, imbocca via Perugia dove una scritta sul muro ammonisce: "Il pacchetto sicurezza uccide". Un uomo dall'accento straniero prende il microfono e rassicura: «Non è una manifestazione contro i residenti del quartiere, manifestiamo perché quello che è successo non è un fatto isolato». Sotto accusa, e lo ripetono i ragazzi del centro sociale ex Snia, è la politica xenofoba del neo governo Berlusconi. Non occorre menzionare i precedenti: il raid fascista durante un concerto a villa Ada la scorsa estate, la spedizione punitiva contro un piccolo campo rom di Ponte Mammolo, il pestaggio mortale di Nicola Tommasoli, a Verona. Azioni squisitamente politiche, spiega Elettra Deiana (Prc), «alimentate da chi ha dichiarato nemico lo straniero». Un'idea pericolosa, e non basta pagare i danni ai negozianti, come annuncia il sindaco Gianni Alemanno. Per Rifondazione hanno voluto esserci anche l'assessore provinciale Massimiliano Smeriglio, Gennaro Migliore e Luigi Nieri.
Sventola qualche bandiera dei Cobas, del Prc, di Sinistra critica. Camminano insieme Nunzio D'Erme e Andrea Alzetta (Tarzan). Nemmeno Claudio Fava, nuovo leader di Sinistra democratica, vuole dare credito alla tesi dello scippo: «Sarebbe grave sottovalutare il raid violento del Pigneto o derubricarlo ad un esempio di folklore fascista».
Il corteo blocca per qualche minuto la trafficatissima via Prenestina, poi si ferma davanti ad ognuno dei tre negozi danneggiati. Galom, la moglie di uno dei proprietari: «Ho paura più di prima».
L'assemblea straordinaria che si doveva tenere in municipio si trasforma in assemblea all'aperto dove il presidente del Lazio Piero Marrazzo chiede di non lasciarsi andare alla giustizia fai-da-te ed esorta a non fare «strumentalizzazioni» poiché sarà la magistratura a chiarire quello che è successo. C'è chi lo sente come un intervento troppo tiepido e contesta rumorosamente.
Don Sardelli è netto: si è trattato di un attacco squadristico e fascista, pericoloso sottovalutarlo. L'assessore regionale Luigi Nieri (Prc) promette una legge che elimini le differenze tra italiani e stranieri nell'accesso ai servizi. Il Pigneto palpita, la risposta alle vetrine infrante a colpi di mazze è un successo innegabile, guai a mettere in pericolo la magnifica integrazione di un quartiere dal volto popolare. E tra 15 giorni si riunirà un tavolo con i rappresentanti del municipio, Comune, Provincia e Regione che, con le associazioni italiane e straniere, proveranno a ridiscutere i modelli di convivenza del quartiere.
Le forze dell'ordine sono convinte che presto gli autori del raid saranno individuati, grazie anche alla telecamera di una farmacia che dovrebbe aver ripreso gli aggressori.


Liberazione 27/05/2008

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode