Ora possiamo cambiare il paese

23.05.2008 13:51

  Ora possiamo cambiare il paese

Nella relazione d'insediamento alla guida della Confindustria, la Marcegaglia detta le linee guida.
Berlusconi: "piena sintonia"

di Gemma Contin

«Posso dire di essere in piena sintonia con la vostra presidente
. La sua relazione è il mio programma di governo». Silvio Berlusconi non rinuncia al colpo di teatro all’Auditorium di Roma, all’assemblea di Confindustria in cui Emma Marcegaglia si è insediata alla presidenza.

Lei è arcigna. Gonna nera e camicetta di seta bianca a grandi fiori cinesi. Voce sopra le righe, si ferma a pretendere applausi a ogni passaggio, a ogni slogan. Pesta giù duro sulle “linee guida” che ispireranno il suo mandato a capo degli imprenditori nei prossimi due anni. Un progetto più a destra di Brunetta, Sacconi e Tremonti messi assieme, che spiazza il governo seduto in prima fila, i presidenti di Camera e Senato a bocca aperta, gli imprenditori che non sentivano un discorso così da tempi lontani.

Cosa dice Marcegaglia? Di essere felice che non ci sia più la “sinistra estrema” al governo e in Parlamento, a porre i suoi veti con cui ha bloccato l’Italia e impedito che si realizzassero le grandi opere, le infrastrutture necessarie, il nucleare, i termovalorizzatori. Tutte cose alle quali l’imprenditrice e il gruppo di famiglia sono direttamente interessati.
Ma andiamo con ordine, perché ce n’è per tutti: «Non possiamo perdere di vista le principali riforme istituzionali - esordisce la capa di Confindustria - più poteri al premier, nuova legge elettorale, superamento del bicameralismo perfetto. In Italia si è creata una situazione favorevole di cambiamento. C’è un nuovo governo sostenuto da una forte maggioranza parlamentare. C’è un clima di minore contrapposizione,  di collaborazione dell’opposizione sui grandi temi».

«L’Ue resta il nostro punto di riferimento - attacca la neopresidente - ma talvolta sembra più interessata a porre vincoli e limiti ai suoi cittadini e alle imprese. Noi non chiediamo la tutela acritica degli interessi europei, ma non possiamo nemmeno accettare impostazioni autolesionistiche, come continuare con l’adozione unilaterale del protocollo di Kyoto».

«La malattia dell’Italia si chiama crescita zero - afferma Marcegaglia - Dagli inizi degli anni novanta, invece di contenere stipendi pubblici e pensioni, si sono tagliati gli investimenti per infrastrutture, servizi di trasporto, scuola, giustizia, forze dell’ordine, carceri. Paghiamo i costi più alti d’Europa per l’energia. Manca una strategia per la sicurezza e la diversificazione energetica perché ci arrendiamo ai veti delle minoranze».

Più avanti preciserà: «E’ tempo di tornare a investire nell’energia nucleare, settore dal quale ci hanno escluso più di vent’anni fa per decisioni emotive e poco meditate. La prima cosa da fare è sbloccare gli investimenti che sono pronti a partire, fermi per inesistenti problemi ambientali. Impianti energetici, rigassificatori e termovalorizzatori, infrastrutture: sono centinaia le opere in attesa di autorizzazione».

«Negli ultimi dieci anni
il costo del lavoro è cresciuto in Italia in media con l’Europa, non altrettanto la produttività - batte e ribatte Marcegaglia su uno dei suoi chiodi fissi - Il sistema di contrattazione è ancora quello del 1993. Non favorisce la contrattazione di secondo livello che coniuga retribuzione e produttività. Occorre alleggerire il contratto nazionale per dare più spazio alla retribuzione legata all’aumento della produttività. Una parte della cultura sindacale non è adeguata ai modelli produttivi che si sono evoluti nelle medie imprese radicate nei territori ma che operano nei mercati globali. La riforma della contrattazione dovrà riguardare anche il pubblico impiego che ha ottenuto negli ultimi anni incrementi retributivi doppi rispetto al settore privato».

«Il welfare italiano è iniquo - insiste la signora di Viale dell’Astronomia - Il 60% della spesa sociale serve a coprire solo le pensioni. il pensionamento avviene tre anni prima che nella media Ocse. Negli Stati Uniti la pensione viene erogata per 12 anni, in Danimarca per 11 anni, in Svezia per 13, in Italia per 17. Con questo squilibrio a favore delle pensioni abbiamo rinunciato a quella grande risorsa che è l’occupazione femminile. Dobbiamo avere più donne al lavoro e più welfare per la famiglia e l’infanzia».
Va avanti su scuola e università, sugli sprechi della spesa sanitaria, sull’inefficienza della giustizia civile, sui fannulloni che vanno licenziati, sull’esigenza di un federalismo che smonti la burocrazia dello stato centrale: più vicino e meno costoso, con cui trattare la riduzione delle tasse locali come l’Ires e l’Irap.

Quattro righe
per compiangere il “suo” morto sul lavoro. Quattro per stigmatizzare chi evade e non rispetta le regole. Quattro sui rischi degli imprenditori che combattono la mafia. Ribadisce che «il costo del lavoro è per le imprese una sorta di tassa sugli occupati»; che vanno privatizzati i servizi pubblici locali perché «rappresentano fini impropri delle amministrazioni e sottraggono mercato ai privati». Ricorda «il fiume di denaro dissipato nel Mezzogiorno negli ultimi dieci anni»; invoca quei «100 miliardi di contributi Ue per investimenti disponibili tra il 2007 e il 2014».
E’ finita. Il conto è presentato. Il programma di governo, ha detto Berlusconi nel gran finale, è stato dettato. L’autunno può cominciare.

Liberazione, 23 Maggio 2008

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode