Maxi retata nei 16 campi dell'Isola, tutti in regola. Oggi una festa niente ronde. Sardegna, non è emergenza

07.06.2008 13:50

Sardegna, non è emergenza

Maxi retata nei 16 campi dell'Isola, tutti in regola. Oggi una festa niente ronde.

n Sardegna non esiste alcuna emergenza rom. Durante una maxi operazione dei carabinieri condotta nel cuore della notte il 20 maggio scorso sono stati passati al setaccio tutti i sedici campi sosta dell'Isola. Risultato: i 699 nomadi controllati sono in regola. Tutti i bambini sono iscritti alla scuola dell'obbligo. Nessun rom ha opposto resistenza o si è sognato di contestare l'arrivo dei militari. Ottocento i carabinieri dei reparti territoriali mobilitati per ore assieme alle unità specializzate, elicotteristi, Nas, Noe, Cinofili, Cacciatori di Sardegna, due i nomadi fermati, diciotto le denunce. Scoperto un collegamento abusivo alla rete elettrica, un martello pneumatico rubato, una pistola e dell'esplosivo. Qualche auto senza assicurazione e tantissima miseria e degrado a cui sono condannati bambini, anziani, donne e uomini. Insomma, davvero poca roba per giustificare l'allarmismo diffuso in tutto il Paese dalla destra di governo su sicurezza e immigrati. A Cagliari c'è addirittura qualcuno che propone le ronde sulle coste alla ricerca di clandestini, da estendere anche a campi rom e a vie della prostituzione: «Stiamo costituendo una guardia civile volontaria», dice il coordinatore di Azione Sociale, Vincenzo Bodano.
Stasera alle 17 a Monserrato, in via del Redentore, un comitato "dalla parte dei rom" promuove invece manifestazione, presidio e festa. Integrazione e incontro invece che sirene accese, ronde e paura. Disinformazione e criminalizzazione di un popolo intero sono i problemi da superare.E poi guerra ai soliti luoghi comuni: «E' quasi incredibile ritrovarsi all'inizio del XXI secolo a dover smentire ancora una volta infamie antiche di secoli», si legge nel volantino. Prima di tutto i rom non rubano i bambini, «ne hanno già tanti, non esiste una sola condanna di un rom per questo reato. Spessissimo dietro tale infame accusa si trova la semplice vicinanza fisica del rom al bambino scambiata per rapimento o peggio tale accusa è inventata per giustificarsi dopo aver compiuto una aggressione ai danni di un rom».
I nomadi non sono sporchi per cultura, «piuttosto raccolgono ferro e altri rottami, lavoro nel quale ci si sporca, vivono in campi sterrati, senza strade, sovraffollati, a volte addirittura privi di acqua potabile». Vivono in condizioni al limite della sopportazione per chiunque e subiscono una condizione frutto del cattivo pregiudizio e di politiche sbagliate.
Nonostante tutto dopo la maxi operazione di qualche giorno fa sono saltate fuori anche belle notizie. Cristian, quattordici anni, è il primo della classe nella terza media di Pabillonis, paese del Medio Campidano. Il campo dove vive è uno dei più dignitosi. Poche famiglie, buon rapporto con la comunità, intervento delle istituzioni del territorio.
Antonello Pabis, fondatore dell'Asce, storica associazione sarda contro l'emarginazione, riflette: «Oggi l'emergenza nazionale è indirizzata contro i rom, si parte da lì, come diceva Brecht» nella celebre poesia (i nazisti) "Cominciarono con gli zingari". Per Pabis bisogna ancora lavorare molto.

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode