Ma che bello il nuovo Cpt di Torino

27.05.2008 14:30

Ma che bello il nuovo Cpt di Torino

Torino, i migranti insistono: «Hassan urlava, nessuno s'è mosso» Il Cpt smentisce: «Dormivano tutti»

Le denunce raccolte dall'eurodeputato Agnoletto dai compagni del giovane trovato morto

 

Maurizio Pagliassotti
Torino

Ma che bello il nuovo Cpt di Torino. Il neo ministro deglll'Interno Bobo Maroni ne vorrebbe uno così in ogni regione d'Italia e gli "ospiti" avranno la possibilità di soggiornarvi anche diciotto mesi (leggesi un anno e mezzo). Una pacchia. Peccato che dentro il nuovo Cpt di Torino inaugurato in gran silenzio pochi giorni fa, dotato di ogni comfort (televisione, air conditioning, toilettes), semplicemente si crepi. E' accaduto la notte di venerdì quando Hassan Nejl, un ventottenne magrebino, è deceduto per polmonite fulminante. Così pare, si racconta, si dice. La verità non esiste, al suo posto due versioni che si scontrano. La prima della prefettura che minimizza e pone tutto sotto il cappello della fatalità. La seconda dei compagni di sventura del povero Hassan che parlano di mancati soccorsi, superficialità, richieste d'aiuto e agonia.
Sta di fatto che Hassan Nejl è stato trovato schiumante nella sua branda la mattina di sabato scorso, coricato su un fianco come se dormisse, con gli arti superiori bluastri: tutti sintomi da asfissia.
Ieri l'europarlamentare di Rifondazione comunista Vittorio Agnoletto, tra l'altro medico, è volato di gran carriera da Bruxelles a Torino per controllare di persona la situazione del Cpt "a cinque stelle" e verificare i fatti accaduti nella notte di venerdì e dopo la visita i dubbi se possibile aumentano: «Nel corso dei colloqui con gli ospiti del centro c'è stata una ricostruzione estremamente precisa e differente da quanto è stato riferito dagli operatori sanitari. Le due versioni - ha aggiunto l'europarlamentare - coincidono fino al tardo pomeriggio di venerdì, ma la precisione con cui gli ospiti del centro hanno ricostruito le varie richieste di aiuto rende difficile credere che si siano inventati tutto».
Il direttore clinico del centro, colonnello Antonio Baldacci, sostiene invece che nessuno nel centro, detenuti compresi, si sarebbe accorto del decesso del giovane marocchino fino alle nove e ventisette del mattino, ora in cui il cellulare di Hassan è squillato. Solo in quel momento i compagni si sarebbero accorti della morte dato che il giovane non rispondeva al telefono né alle sollecitazioni degli altri a farlo. Smentisce il direttore, quindi, le testimonianze raccolte e raccontate da Agnoletto dei compagni del giovane marocchino che dichiarano di «aver fermato gli operatori più volte, suonato almeno in tre occasioni il citofono interno senza però che sia accaduto nulla». Tutto questo intorno alle tre del mattino di sabato. Da notare che i sanitari presenti sapevano delle precarie condizioni di Hassan in quanto nella serata di venerdì gli avevano somministrato un antibiotico ed un antipiretico per far scendere una violenta ed improvvisa febbre. Sempre il colonnello Baldacci sostiene anche che il vicino di letto di Hassan dichiara «di non essersi accorto di nulla». Due storie in completamente opposte.
Di una notte tranquilla, però, non parlano nemmeno diversi residenti della zona che raccontano di urla provenienti dal Cpt più violente del solito e di una certa agitazione; ma anche qui, la storia ufficiale sarebbe un'altra: secondo la prefettura il trambusto notturno sarebbe stato causato dal tentativo di fuga di un giovane (avvenuto alle ore ventidue) subito riacciuffato.
Di sicuro, la situazione interna al Cpt è molto tesa. I detenuti hanno portato nel cortile i materassi e con questi hanno scritto "aiuto". E' inoltre iniziato uno sciopero della fame che proseguirà ad oltranza; il portavoce degli "ospiti" sostiene inoltre che nessuno rientrerà nelle celle-casette fino a quando non verrà detta la verità. Urla e insulti indirizzati a polizia e carabinieri presenti sono continui: "assassini".
Il Parlamento Europeo, dopo una lunga indagine, aveva bollato i Cpt italiani i peggiori d'Europa, insieme a quelli greci. Tra le cause di questa disastrosa situazione vi erano proprio le condizioni sanitarie. Per questa ragione a Torino - dove sono già avvenuti molti casi e diverse denunce di maltrattamenti con cortei e proteste, compreso il boicottaggi delle aziende che servono il Cpt come di quelle che ne hanno realizzato la ristrutturazione - si era deciso di investire nella ristrutturazione, costata quasi dodici milioni di euro. Al posto dei container sono state costruite casette in muratura. Situazione che il consigliere regionale del Prc Alberto De Ambrogio commenta così: «Meglio rispetto al passato ma siamo pur sempre a uomini chiusi dentro gabbie. Sembra di essere allo zoo». Al momento sono presenti nella struttura 61 persone, i posti disponibili sono novanta.
L'avvocato Gianluca Vitale, che sta seguendo il caso di Hassan Nejl, sostiene che sia proprio l'ambiguo inquadramento giuridico dei Cpt a aprire voragini di pericolosità: «Non essendo un carcere non esistono regole e un po' tutta la gestione è lasciata alla buona volontà di chi ne organizza la vita». Per chiarire le cause del decesso, e le dinamiche, la magistratura ha disposto l'autopsia. Dopo di che il corpo verrà rimpatriato in Marocco dove la famiglia, che non lo vede da dieci anni, lo aspetta.
Conclude Vittorio Agnoletto: «Nessun ospite del Cpt deve spostato né rimpatriato finché la magistratura e le forze dell'ordine non avranno chiarito le cause della morte di Hassan Nejl». E i centri sociali di Torino si stanno organizzando per un corteo di protesta che dovrebbe svolgersi nelle prossime settimane.


Liberazione 27/05/2008

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode