Le speculazioni della Fibe (Impregilo) favorite da Regione e governo sono le cause del disastro Il disegno è di seppellire tutto destituendo la magistratura e usando l'esercito. Oggi la protesta (ore 17)

01.06.2008 14:18

 

Le speculazioni della Fibe (Impregilo) favorite da Regione e governo sono le cause del disastro Il disegno è di seppellire tutto destituendo la magistratura e usando l'esercito. Oggi la protesta (ore 17)
 

 Affari e imbrogli manu-militari, Chiaiano in piazza per fermarli 

Anubi D'Avossa Lussurgiu
A Chiaiano, dove si manifesta oggi in un clima di minaccia ed esibizione muscolare del potere, sono in gioco due emergenze, che valgono per Napoli e la Campania, ma in realtà per tutto il Paese. Sono due, sì: l'emergenza rifiuti e quella democratica. Entrambe hanno gli stessi protagonisti: un blocco di interessi dominanti, privati, ma sovvenzionati dal soldo pubblico, che si nasconde e lucra dietro la prima emergenza, avendola truffaldinamente gestita e aggravata; e una politica ridotta ad amministrazione di questi interessi, in barba alla salute, all'ambiente, ai doveri di trasparenza e ora alle stesse libertà democratiche. Quest'emergenza democratica in verità cova da tempo, precisamente in quella distorsione della decisione politica e della responsabilità pubblica. Una distorsione esercitata, per così dire, trasversalmente: di governo in governo, nazionale o regionale. Una distorsione il cui veicolo sono le «deroghe» a lungo praticate fra le righe o sotto banco e ora invece apertamente, che muovono i dubbi della stessa Commissione Ambiente dell'Ue sul decreto rifiuti di Berlusconi-Bertolaso. Una distorsione che ha persino attirato l'intervento della magistratura, proprio sulle denunce sollevate dalle vituperate «rivolte» della «plebe» campana, come le ha apostrofate un signor professore del Corriere della Sera invocando la contromobilitazione della borghesia, la sola classe cui assegnare la qualifica di «società civile».

E' in effetti emergenza democratica, in questo specchio della vicenda nazionale italiana che è la scena della "battaglia dei rifiuti" in Campania, anche l'introduzione di una magistratura speciale che quei magistrati esautora e quelle inchieste sospende, avocandole.
Quest'emergenza democratica, però e contrariamente a quanto suggeriscono le timide remore del contro-polo d'opinione, la Repubblica , non convive semplicemente con l'altra, con cui si vuole giustificare: appunto ha gli stessi protagonisti. L'emergenza democratica tutela esclusivamente un genere di interessi, i medesimi che sono al centro della scandalosa girandola affaristica sui rifiuti campani. Sempre gli stessi. E identico è il volto della politica che se ne fa ancella: al punto tale che sul "pugno di ferro" annunciato da Berlusconi a cominciare da Chiaiano, sull'accelerazione della politica delle discariche random e degli inceneritori dove destinare ogni cosa, compresi i veleni, il volto di Bassolino si mette all'ombra di quello di Berlusconi e, nazionalmente, il governo ombra piddino dà il via libera a quello reale delle destre (come testimoniato proprio da Bassolino e dalla sindaca Iervolino).
Perciò i soli a leggere correttamente l'emergenza democratica in campo sono coloro che la subiscono come minaccia immediata alla propria libertà d'espressione e alla stessa integrità fisica, colpevoli di smascherare con la loro protesta la vera natura dell'altra emergenza, quella dei rifiuti. Perciò ogni credibilità politica al cospetto della cittadinanza si misura sulla difesa di quella cittadinanza che è in movimento e lotta, oggi, là a Chiaiano, con proposte alternative concrete e con la coscienza civile di dire che a Napoli e in Campania il vero primato negativo europeo è quel record di tumori per cui nessuno paga. Perciò con questa cittadinanza occorre schierarsi: e cioè contro la gestione passata e presente, mariuola quanto profittevole, dell'emergenza rifiuti; e quindi, concretamente, contro la politica che l'ha consacrata e adesso la blinda con la forza delle armi.
Emergenza democratica è infatti che amministratori, politici, rappresentanti e persino opinionisti i quali si dicono "democratici", avallino le parole pronunciate venerdì dal presidente del Consiglio dei ministri e gli atti che esse annunciano. E' un'emergenza democratica il fatto che un'opposizione politica, semplicemente, in Parlamento e nelle istituzioni non c'è più. Non perché sia stata abolita, ma perché si è abolita motu proprio . E' dunque un dovere democratico ricostruirla a partire dai suoi corpi concreti, quelli che vivono e fanno vivere l'opposizione nella società, quelli che manifestano oggi a Chiaiano, ad esempio. E sarebbe democraticamente apprezzabile che chi non distingue i principi fondamentali della democrazia da quelli dello Stato assoluto, visto che condivide come prioritario l'esercizio dell'autorità dello Stato medesimo a scapito dei diritti individuali e collettivi, magari si scelga un'altra denominazione. Per non parlare di quanti "fanno opinione" chiamandosi oltre che «democratici» anche «liberali»: proprio mentre propagandano il passar sopra alle libertà civili, coi carri armati, dal momento che il liberalismo non è fatto per le «plebi». Forse sì, è il momento dei V Day. Cominciamo da oggi, a Chiaiano.

 Liberazione

 

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode