La sfida del Pride alla cattodestra

09.06.2008 14:03

La sfida del Pride alla cattodestra

di Eleonora Martini

su Il Manifesto del 08/06/2008

Sfilano in decine di migliaia. Tentata aggressione di un gruppo di neofascisti. In serata blitz No Vat a piazza San Pietro. «Imbavagliati» a San Giovanni

Testardi, provocatori, orgogliosi. Allegri, gasati, sensuali, pacifici, giovani, molto giovani. Dignitosi, grintosi, motivati, consapevoli, maturi. Autodeterminati, antirazzisti, antifascisti. Decisamenamente laici. Hanno sfilato in tante decine di migliaia, donne uomini e bambini, così esuberanti, festosi, danzanti, colorati e creativi da sembrare milioni. Il popolo omosessuale e transessuale ha risposto in massa ieri a Roma, insieme a quello militante antagonista e a tanti cittadini comuni, al doppio schiaffo ricevuto dalla questura, che ha vietato l'accesso a piazza San Giovanni, e dal sindaco Alemanno, che ha negato il patrocinio del comune. Un Pride accolto dai cittadini romani con simpatia, quasi con calore. Ali di folla ai lati della strada e negozi aperti con la merce esposta sui marciapiedi, dovunque passasse la parata.
Ma l'effetto dei divieti, della discriminazione istituzionalizzata attraverso la burocrazia di apparato, di tanto accanimento oscurantista non si è fatto attendere. Di nuovo un gruppo di fascisti si è sentito autorizzato a disturbare la manifestazione, vestiti in giacca e cravatta per sembrare persone «normali». Un gruppo di 30-40 persone, secondo quanto riferito dal presidente di Arcigay Roma, Fabrizio Marrazzo, e da tanti militanti che seguivano il carro del centro sociale Forte Prenestino, hanno fatto irruzione nel corteo su via dei Fori Imperiali gridando «vi accoltelliamo tutti». Dietro di loro c'erano anche tre o quattro ragazze «in succinti abiti da festa e tacchi a spillo». «Avevano bandiere e striscioni arrotolati che non hanno fatto in tempo ad aprire perché tutto lo spezzone del corteo li ha cacciati in malo modo inzuppandoli di acqua e birra», racconta Mario che se li è visti spuntare all'improvviso e ne ha riconosciuti due o tre. Sono stati filmati da molte telecamere, tra loro volti notissimi dell'attivismo fascista e neonazista. Peccato che l'assessore alla cultura capitolino Umberto Croppi, che si è imbattuto «per caso» nel corteo, mentre faceva shopping, non abbia assistito all'evento. Avrebbe potuto toccare con mano l'omofobia della destra che ormai non è più nemmeno «strisciante». Il gruppo si è dileguato all'arrivo della polizia. Che invece è riuscita ad arrestare e fermare per alcune ore alcuni «pericolosi» attivisti No Vat che in serata hanno inscenato un pacifico blitz in piazza San Pietro srotolando uno striscione sul Gay Pride. Tra loro anche Ornella De Zordo, un consigliere comunale di Firenze. Al mattino invece un gruppo ultra cattolico, Militia Christi, era riuscito tranquillamente a fissare lungo le mura di via Cavour un lenzuolo con su scritto: «Roma è sacra: no al Gay Pride, orgoglio del male».
E il «male» si è mostrato con le sue mille facce sorridenti di gay, lesbiche e tante transessuali che non esibiscono nulla ma chiedono solo «lavoro pulito» e pari dignità. O con i mille corpi esibiti naturali e artefatti, delle drug queen, dei gogo boys, e delle transgender brasiliane costrette alla prostituzione, sottoposte allo sfruttamento, ma rimorchiate durante il corteo da tanti maschietti etero venuti apposta per l'occasione. Tutti a divertirsi dietro lo striscione d'apertura delle 27 associazioni organizzatrici del RomaPride 08 che recita: «Testardamente, parità, dignità, laicità», a ribadire che nulla è cambiato se non in peggio. A tenerlo c'erano tanti politici, soprattutto di Rifondazione e del Pd, a cominciare dal ministro ombra Vittoria Franco, insieme a una raggiante Rossana Praitano, leader del circolo Mario Mieli che ha invitato Alemanno ad aprire gli occhi: «Roma è molto più complessa e vitale di quanto lui possa immaginare». Da Luxuria a Palermi, da Deiana a Smeriglio, la sinistra extraparlamentare era quasi al completo. «Perché è da qui che Rifondazione e la sinistra devono ripartire - ha detto Giovanni Russo Spena - in passato abbiamo sbagliato a non capire che non c'è liberazione delle masse senza liberazione dell'individuo».
Di seguito il bus turistico color fucsia del comitato promotore e il camion di Arcigay e Arcilesbica che ha ospitato il rito nuziale e la festa per le coppie omosessuali che hanno voluto unirsi simbolicamente in matrimonio. E poi il tir della Cgil tappezzato dal testo dell'articolo 3 della Costituzione, i sound system dei centri sociali e di Rosarcobaleno, che attacca la ministra Mara Carfagna con un «tu nuda sui calendari, noi spogliati dei diritti». Le macchinine elettriche dei Radicali, i camion di Facciamo Breccia, degli anarchici e dei collettivi universitari, il coinvolgente mega tir degli «IndecorOrsi», che sfoggiano corpi più maturi e decisamente di buona circonferenza, «in movimento per il godimento». I più festaioli si scatenano con la discoteca itinerante di Muccassassina, potente macchina coreografica che avrebbe elettrizzato anche i tristi fascistelli. Tanti gli striscioni e i cartelli autoprodotti: i collettivi femministi e lesbici, le famiglie arcobaleno, gli omosessuali evangelici e cristiani, il Movimento italiano transessuali, i Ken di Napoli, l'Uaar, gli Open Mind venuti apposta da Catania, gli attivisti imbavagliati dell'Archivio Massimo Consoli. La stessa forma di protesta messa in atto in serata dai radicali e dal Prc che hanno manifestato a piazza San Giovanni davanti alla sede del Vicariato dove, come racconta Elettra Deiana, «non c'erano pullman né flussi di persone almeno dalle otto di sera in poi». E allora perché il divieto?

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode