Italia contro le cluster?

05.03.2008 17:59

 

Italia contro le cluster?
di Marco Bargigia
Si è chiusa venerdì 22 febbraio una conferenza a Wellington, in Nuova Zelanda, sull’abolizione delle cluster bomb: 5 giorni di discussione tra società civile e i governi di 122 stati. Ambigua la posizione dell’Italia, decisive le elezioni del prossimo aprile.
Una convenzione internazionale che vieti la produzione, il commercio e l’uso delle bombe grappolo, meglio conosciute come cluster bombs: ne hanno discusso dal 18 al 22 febbraio a Wellington, in Nuova Zelanda, i rappresentanti di 122 stati, assieme ad associazioni e realtà della società civile internazionale che si battono per il disarmo. Il risultato più importante dell'incontro (la conferenza rappresentava una tappa intermedia del “Processo di Oslo”, promosso l’anno scorso da Austria, Irlanda, Messico, Nuova Zelanda, Norvegia e Perù) è stata la stesura di una prima bozza di documento, la “Dichiarazione di Wellington”, su cui si baserà il testo definitivo del trattato, che verrà discusso e firmato a maggio nella città di Dublino. La bozza al momento è stata sottoscritta da 81 paesi, tra cui anche l’Italia, che hanno concordato sulle parti del testo relative all’assistenza alle vittime, alla bonifica dei territori contaminati ed alla distruzione degli arsenali.

Le cluster bomb (bombe a grappolo) hanno preso il posto delle mine anti-uomo (bandite nel 1997 grazie al trattato di Ottawa ) ed sono pensate per aumentare l’area di diffusione del danno: contengono delle sub-munizioni che, rimanendo inesplose, causano vittime tra i civili anche molto tempo dopo la fine dei conflitti.
 
Il portavoce di Human Rights Watch, Steve Goose ha dichiarato "Questo e' il momento della verità, in cui i paesi devono mostrare la loro risolutezza e il loro impegno verso la negoziazione di un nuovo trattato". Il problema è che a Wellington erano assenti i maggiori paesi produttori di bombe a grappolo come Cina, Russia e Stati Uniti. Questi ultimi, pur non partecipando direttamente, hanno, però, esercitato delle forti pressioni perchè alcuni tipi di ordigni non vengano aboliti; hanno, inoltre, chiesto di posticipare l’entrata in vigore effettiva della messa al bando delle bombe a grappolo. L’altro punto fondamentale, espresso dall’ amministrazione Bush, è la “preoccupazione” sui possibili effetti di tali divieti sulle operazioni militari congiunte con paesi che non aderiranno al trattato; per questo il Giappone ha proposto di consentire anche agli stati che decideranno per la messa al bando di partecipare ad operazioni militari nelle quali altri stati facciano uso di questo tipo di munizioni . Una posizione appoggiata dai rappresentanti di molte nazioni: Australia, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Slovacchia e Turchia.

L’Italia non ha aderito direttamente alla proposta giapponese, allineandosi comunque con tutti i paesi alleati degli Stati Uniti. Netta la posizione di Giuseppe Schiavello, direttore della Campagna Italiana contro le Mine, che, giudicando poco cristallina la posizione del nostro paese, ha chiesto ai candidati alle imminenti elezioni di esprimersi in modo chiaro sulla questione. I politici che saranno eletti rappresenteranno la posizione dell’ Italia alla prossima e determinante conferenza di Dublino.
 

www.nigrizia.it

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode