il «sequestro» del professor Pescosolido, uomo d'onore. E preside uno ma anche bino

01.06.2008 14:10

Il «sequestro» del professor Pescosolido, uomo d'onore. E preside uno ma anche bino

 
La nuova "verità" sui fatti della Sapienza di Roma e la campagna sul Corsera e sul Messaggero,

Anubi D'Avossa Lussurgiu
Dunque, vediamo: chi è questo preside della facoltà di Lettere della prima università di Roma, la Sapienza, che si erge a vittima dei «collettivi studenteschi di sinistra»? Guido Pescosolido? Ed è lui che ieri, per difendere ancora l'autorizzazione concessa al convegno forzanovista sulle foibe con Roberto Fiore, ha affermato che «da privato cittadino liberaldemocratico» pensa «sia un errore non ascoltare estremisti di destra, di sinistra, di centro»?
Ma guarda un po'. Deve trattarsi di caso d'omonimia. Perché mica può essere lo stesso Guido Pescosolido che, strano caso anche lui preside di Lettere, solo l'anno passato, in febbraio, non solo vietò un'assemblea studentesca con Oreste Scalzone tornato in Italia, ma addirittura chiuse la facoltà per impedirla, tanto che si tenne sulle scale del Rettorato, in piazzale della Minerva. O forse sì, è proprio lui? Ma si tratterebbe di malafede, allora. E non può dunque essere. Perché si sa: un preside di Facoltà, tanto più se umanista e storico e in aggiunta ex allievo d'una figura eminente come Renzo De Felice, non può invece che essere un uomo d'onore.
Perciò dev'essere assolutamente vero anche ciò che racconta, questo Guido Pescosolido preside di Lettere della Sapienza di Roma e «liberaldemocratico», che non è quell'altro, con lo stesso nome e la stessa carica ma dell'anno passato. Poiché è un uomo d'onore dev'essere assolutamente vero che Guido Pescosolido, come strillava il Corriere della Sera ieri con dignità di prima pagina, è stato «sequestrato» l'altro giorno, nei suoi uffici di presidenza della facoltà, insieme a «due segretarie e il collega Vittorio Vidotto», da «più di un centinaio, tutti dei collettivi di sinistra». Il preside Pescosolido lo denuncia come un «episodio oggettivamente gravissimo». E davvero lo sarebbe, se fosse vero. Così come l'altro episodio riferito, di un anonimo tocco sulla spalla ricevuto durante la precedente manifestazione di mercoledì 21 e dell'anonima apostrofe successiva rivoltagli: «Preside, quanti figli hai?». E come invece negano quei figuri, incidentalmente studenti, mettendoci la faccia e il nome e cognome e anzi annunciando di stare valutando una querela contro il preside per diffamazione. Ma i presidi di facoltà, per non parlare degli "operatori dell'informazione" che ne amplificano i detti, sono uomini d'onore: dunque dev'essere tutto vero.
E perciò, anche e di converso, non dev'essere affatto vero che prima di Guido Pescosolido, anzi dei due Guido Pescosolido - l'attuale che concede la facoltà al capo di Forza Nuova in nome della «democrazia» e quell'altro che invece nel 2007 faceva discrimini con gli «estremisti» se di sinistra - , è stato preside di Lettere della Sapienza di Roma il professor Emanuele Paratore, geografo figlio del grande latinista Ettore. Perché se fosse vero si potrebbe dubitare della veridicità dell'episodio raccontato, anzi denunciato dal preside attuale. Dal momento che, come proprio il Corriere della Sera scrive, per la penna del meticoloso collega Fabrizio Roncone, quest'episodio è la fotocopia quasi esatta di quanto denunciato - con particolare clamore proprio sul Corsera dell'epoca... - appunto da quell'Emanuele Paratore il 20 gennaio 1992, quando sostenne di essere stato minacciato di morte dagli studenti che cominciavano un'occupazione e chiedevano le chiavi a lui barricato nella presidenza, e di essere stato «costretto» a lanciarsi, come in effetti fece, dalla finestra della presidenza stessa, atterrando illeso all'esterno della Facoltà dopo un perfetto e acrobatico volo. Ma, diversamente da quanto per pura distrazione Roncone omette, tale denuncia di allora non ebbe corso: perché - come riportarono poi anche i giornali, con qualche vaghezza e ben minore rilievo addirittura il medesimo Corriere ... - agenti del commissariato universitario e della Digos erano stati presenti ai fatti e fecero sapere che non avrebbero potuto testimoniare alcuna "costrizione" e tanto meno minacce di morte nei suoi confronti.
Chi scrive ne è testimone per il fatto d'essere stato fra quegli studenti e, di più, d'essere stato accusato da Emanuele Paratore d'aver capeggiato quel presunto «assedio» - e poi d'essere stato, per tutti gli anni a seguire fino alla fine dei suoi tempi da preside, «l'anima nera» di ogni «rivolta» nella facoltà (anche e soprattutto dopo un insano gesto consumato nella facoltà medesima da chi scrive e interrotto dall'indomito quanto in quel caso provvido protagonismo del professore). E chi scrive si trovò ad annunciare, allora come oggi fanno la Rete per l'autoformazione e i Collet

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode