«Il pugno di ferro non ci fa paura»

25.05.2008 19:58

«Il pugno di ferro non ci fa paura»

di Stefano Milani

su Il Manifesto del 25/05/2008

Dopo gli scontri a Napoli, i comitati No Tav, No Dal Molin e No Mose sono in fibrillazione

Oggi Napoli e la Campania. Domani Reggio Calabria e Messina. Poi ancora Vicenza, Venezia e la Val di Susa. La linea dura del governo contro chi si oppone non si limiterà alle discariche, ma si estenderà a tutti coloro che dicono no. Che sia la costruzione del ponte sullo stretto, l'ampliamento della base militare americana del Dal Molin o la realizzazione dell'alta velocità. Il governo Berlusconi ha preso il testimone dal precedente di centrosinistra continuando a portare avanti i progetti sui vari territori, ma ora oltre all'uso delle ruspe c'è anche quello del manganello per sedare ogni segno di protesta.
I comitati di mezza Italia sono dunque in subbuglio. Piena solidarietà ai manifestanti di Napoli è stata espressa dal No Dal Molin. Un centinaio di attivisti si sono radunati davanti alla prefettura di Vicenza «per dare un primo, piccolo, segnale di solidarietà ai cittadini campani aggrediti». A Napoli «non è più in gioco soltanto la soluzione dell'emergenza rifiuti, si è aperta un'emergenza democratica - dicono - Noi sappiamo da che parte stare: dalla parte di chi rifiuta le imposizioni, la violenza e l'autoritarismo». La paura che anche la loro protesta contro l'ampliamento della base Usa possa sfociare in scontri con le forze dell'ordine è alto. «Il rischio c'è», ammette Cinzia Bottene, anima del comitato vicentino. «L'attuale governo - dice - ha preso una strada pericolosissima. Non è possibile affrontare con l'esercito armato chi scende in piazza a difesa del proprio territorio». A preoccupare è dunque il clima di tensione che si sta creando e che ricorda, conclude la Bottene, «quanto accaduto nel 2001 a Genova».
Da Vicenza a Venezia la sostanza non cambia, come non cambia la protesta. Ieri c'è stata un'occupazione simbolica, con fumogeni e striscioni, del ponte di Rialto in segno di solidarietà «ai fratelli campani» da parte del comitato No Mose. «E' inaccettabile quello che sta accadendo a Napoli. Come è inaccettabile che ad ordinare l'uso della forza sia ancora una volta quel De Gennaro visto sette anni fa a Genova. E tutti sappiamo come è andata a finire». Non ci sta Tommaso Cacciari, leader disobbediente dell'assemblea permanente No Mose, a subire «questo clima da stato di polizia». E rilancia: «Se lo Stato ha deciso di farci la guerra noi siamo pronti a difenderci».
Chi cerca di placare un po' gli animi appellandosi al dialogo e alla trattativa è il sindaco di Susa, Sandro Plano, da sempre contro la costruzione dell'alta velocità nel suo territorio. «Io auspico un po' di buon senso da parte del governo». Ma poi ammette: «Non sono affatto ottimista e la paura che le scene che stiamo vedendo a Chiaiano possono presentarsi anche qui c'è». Altrimenti? «Qui si rischia grosso, la gente è esasperata e l'uso della forza e dell'imposizione rischierebbe di accendere una miccia poi difficile da gestire». Anche Antonio Ferrentino, presidente della comunità montana della bassa Val Susa ed esponente di punta dei sindaci contrari alla Tav è preoccupato. Lui che è nato a Salerno conosce bene il problema dei rifiuti in Campania, «ma non è con l'imposizione della forza che si risolve il problema». Anche per lui la parola d'ordine è «dialogo», convinto che il governo non continuerà su questa linea dura: «Non può farlo, rischia una contrapposizione sociale in tutta Italia e non vorrei nemmeno immaginare le conseguenze».
Ieri anche Roma ha espresso il sostegno ai manifestanti di Chiaiano. In cinquecento, tra attivisti dei comitati lotta per la casa, centri sociali e semplici cittadini, si sono presentati davanti alla Prefettura dietro lo striscione: «Chiaiano, denuncia di guerra. Liberi tutti».

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode