Il paradosso Innse Presse, licenziati ma al lavoro

05.06.2008 15:11

Il paradosso Innse Presse, licenziati ma al lavoro

di Bruno Casati *

su Liberazione del 04/06/2008

E' una serrata in prima regola, da anni '50. Il padrone chiude la fabbrica, scappa e manda quattro buttafuori da discoteca a mettere lucchetti e telecamere. I lavoratori, allertati, arrivano nella notte, si riprendono la "loro" fabbrica, mettono in fuga i buttafuori e continuano la produzione. La serrata è fallita ma non c'è nemmeno l'occupazione. Alla Innse di Lambrate, questa è la fabbrica, si lavora perché ci sono commesse ancora per sei mesi. Ma c'è un però: in una curiosa procedura stanno arrivando, dopo i vigilantes, anche le lettere di licenziamento. C'è chi apprende di essere stato cacciato addirittura leggendo il giornale sul metrò da casa a fabbrica. E' questa l'innovazione, il nuovo corso, introdotto da Confindustria? Prima cosa (che mi permetto di suggerire al Sindacato): queste lettere vanno subito respinte e la procedura impugnata legalmente. Ma dove avvengono queste cose? Semplice: nel 2008 a Milano dove, in via Rubattino, sorge il capannone di 25mila metriquadri di un'officina meccanica, l'Innse Presse, che opera su grandi macchine di altissima precisione, con personale motivato e preparato, clienti, fornitori, commesse. In Germania una fabbrica così sarebbe l'orgoglio del quartiere se non della città, a Milano dovrebbe sbaraccare. Perché? Perché l'Innse (che è quel che resta della Innocenti-Maserati del tempo) si viene a trovare proprio al centro di una grandissima area dismessa che va bonificata per ospitare un progetto in cui al verde si accostano edilizia e una Facoltà Universitaria. Molto bene ma nell'area riprogettata, ed è questo che la Provincia sostiene da tempo con Sindacato e lavoratori, ci può stare benissimo anche l'officina magari ristrutturata, magari ridimensionata a 12mila-15mila metriquadri. Questa è l'idea sensata che abbiamo sottoposto oggi all'attenzione del Signor Prefetto e, un mese fa, all'immobiliare proprietaria di tutta l'area e anche a chi ha acquisito in comodato la fabbrica, con materiali costosissimi, disposto quest'ultimo a comperare l'area (la sua disponibilità è verbalizzata in sede Provinciale) e a rilanciare, così almeno ci ha detto pubblicamente un mese fa, la produzione. Ma oggi c'è la giravolta: ci sono i licenziamenti e la serrata. Brutta cosa. Parli allora il Comune e anche il Consiglio di Zona 3: ci dica se il nostro progetto è fattibile (rendere compatibile un piccolo comparto di eccellente lavoro industriale con un insieme da ristrutturare) oppure gli operai devono andarsene, più o meno come i Rom della Bovisasca, perché le sacre immobiliari ormai dettano legge a tutta la città. E anche alle Istituzioni. Fosse così si andrebbe con il piede sbagliato verso l'Expo.

*Assessore al Lavoro della Provincia di Milano

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode