«Ho visitato i campi Ue, i vostri sono i peggiori»

21.05.2008 13:33

«Ho visitato i campi Ue, i vostri sono i peggiori»

di Orsola Casagrande

su Il Manifesto del 21/05/2008

Parla l'eurodeputata rom ungherese Viktoria Mohacsi

Non usa mezzi termini, l'eurodeputata rom-ungherese Viktoria Mohacsi per definire quello che ha visto in alcuni campi rom in Italia. «Hanno preso queste persone, le hanno rinchiuse in questi ghetti, senza diritti di nessun tipo. Sembrava di stare ad Auschwitz». Non solo per le condizioni sociali, ma anche e soprattutto «per quello che riguarda i diritti elementari, che in Italia mancano. Questo mi spaventa molto».

Ha visitato i campi di Roma e Napoli. Che cosa ha visto?
Ho deciso di partire dopo i pogrom di Napoli, il 13 maggio scorso. A Roma mi sono trovata di fronte una situazione incredibile, inaccettabile, impossibile da immaginare. Baracche di legno e terra, costruite dagli stessi cittadini, in condizioni igieniche inesistenti. Mi sono chiesta cosa deve essere stato l'inverno appena trascorso. Naturalmente ho trovato anche baracche con la doccia e i servizi igienici all'interno. Ma la cosa che più mi ha impressionato è stato il ghetto. Questa gente è stata presa e ghettizzata, allontanata, e questo, lo ripeto, mi ha fatto immediatamente pensare ai campi di concentramento.

Anche perché moltissimi di questi uomini e donne vengono dalla ex Jugoslavia, sono scappati dalla guerra e in questo paese si sono trovati rinchiusi nei ghetti.
Precisamente. Mi hanno detto all'Opera Nomadi che almeno 90mila persone sono cittadini della ex Jugoslavia, hanno passaporti dei paesi dell'ex Jugoslavia. Ma come possono essere considerati illegali? Perché anche secondo la legge italiana un cittadino senza stato deve vedersi riconosciuto uno status, una cittadinanza. A Roma ho incontrato persone che vivono in Italia da quindici anni come da sessantacinque. E sono ancora considerati illegali. Credo che questo sia inaccettabile. La prima cosa da fare dovrebbe essere quella di dare loro la cittadinanza. Se io fossi il ministro dell'interno italiano indagherei caso per caso. Ho sentito racconti di uomini e donne che sono stati costretti a lasciare le loro città nella ex Jugoslavia, spesso anche le loro case. Perché lì vivevano in case. E qui vengono trattati da quindici anni come «illegali», inesistenti, senza diritti. E' vergognoso. E ora vengono anche rispediti nella ex Jugoslavia, finendo in campi profughi in quello che era il loro paese.

Ha anche parlato di alcuni bambini che risultano scomparsi dal campo nomadi di Napoli.
Mi hanno raccontato diverse persone che circa due anni fa almeno dodici bambini sono scomparsi, svaniti nel nulla. Ancora l'Opera Nomadi mi ha confermato che tre anni fa ci sono stati almeno cento bambini presi in consegna dalla polizia. Mi dicono che è legale, che i servizi sociali sono autorizzati a togliere i figli ai genitori se inadempienti nei loro confronti. Quello che non è accettabile però è il fatto che, siccome si tratta di cittadini rom, allora vengono trattati come animali. Non può essere legale che un genitore non sappia che fine ha fatto suo figlio. E queste persone non sanno dove sono i loro bambini. Non hanno nessuna carta che dice che sono stati dati in affidamento o che si trovano in qualche istituto. Nulla. Quelli più fortunati hanno una carta con un numero di pratica. Ecco, un numero, di nuovo mi viene in mente Auschwitz.

A corto di argomentazioni ed evidentemente ben consapevoli della situazione inaccettabile in cui vivono i rom italiani, qualcuno nel nuovo governo, e non solo, l'ha accusata di aver detto cose non vere. Di aver esagerato una situazione che è peggiore in altri paesi.
Posso dire che, a parte il Regno unito e la Slovenia, ho visitato tutti gli stati membri e anche paesi come il Kosovo, l'Albania, la Macedonia, la Croazia. Le condizioni che ho trovato in Italia dal punto di vista sociale, legale e dei diritti è la peggiore. Del resto la campagna elettorale si è giocata associando i rom a tutti gli stereotipi negativi e si è utilizzata l'intera nazione rom come «capro espiatorio elettorale». E questo è in contraddizione con i valori dell'Europa. Quello a cui stiamo assistendo in queste ore è l'impatto di una tale campagna.

Che cosa pensa di fare ora?
Bisogna coordinare le iniziative anche con i colleghi italiani che mi hanno sostenuta. A livello europeo credo sia importante che la Commissione arrivi all'adozione di una strategia per i rom che ponga la questione della loro inclusione come prioritaria.

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode