Gaza - rompere l'assedo, rompere il silenzio

07.03.2008 17:52

FIRMA LA PETIZIONE

Gaza. rompere l'assedio, rompere il silenzio

GAZA

ROMPERE L’ASSEDIO

ROMPERE IL SILENZIO  

Vi è una striscia di terra dove 1.500.000 di persone, donne, uomini, bambini ed anziani sono stati assediati e rinchiusi in una prigione a cielo aperto dal governo israeliano.  

La Striscia di terra si chiama Gaza. 

Il Governo israeliano ha deciso che Gaza non deve avere: acqua, benzina, elettricità, medicine. Ad oggi: 160.000 persone hanno perso il lavoro, 85 pazienti sono morti per mancanza di medicine, l’85% della popolazione sta vivendo sotto la soglia di povertà.  

Il Governo Israeliano ha deciso di punire collettivamente una intera popolazione civile 

Il Governo Israeliano ha deciso di continuare a violare il Diritto Internazionale 

E’ ora di aprire gli occhi, è ora di agire. 

In quanto cittadine e cittadini europei chiediamo che la Comunità Internazionale, l’Unione Europea ed i governi dei suoi Stati Membri si mobilitino e richiedano a Israele di mettere fine all’assedio di Gaza, al disastro umanitario, alla violazione della legislazione internazionale, all’occupazione militare. Non vi può essere pace senza rispetto del diritto alla vita. Sosteniamo le azioni pacifiche della società civile palestinese e israeliana che reclamano la fine dell’assedio e dell’occupazione militare. Chiediamo quindi al Governo Israeliano di far entrare a Gaza il convoglio di aiuti umanitari portato dalle associazioni e realtà pacifiste israeliane con il sostegno della società civile internazionale, lo scorso 26 Gennaio 2008. 

Firma la petizione!

 

Inviando una mail a: appellopergaza@rifondazione.it Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo  

www.rifondazione.it – Area Politica Internazionale

Visita il sito della Campagna palestinese per rompere l’assedio di Gaza e invia messaggi di Solidarietà a www.end-gaza-siege.ps

https://home.rifondazione.it/xisttest/index.php?option=com_content&task=view&id=1747&Itemid=303

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode