Galera Italia

21.05.2008 14:19

Galera Italia

 Il governo ha deciso: clandestino è uguale a delinquente (fino a 4 anni di carcere), L'Europa condanna il razzismo dell'Italia. Cattolici e protestanti in rivolta contro Maroni

 

di Anubi D'Avossa Lussurgiu


Migrante «irregolare»? No: «clandestina, clandestino». E, da domani, «delinquente». Soggetto che delinque, letteralmente. Che la legge deve perseguitare: più di quanto già non faccia oggi. Soggetto che lo Stato deve far scomparire. E poiché è difficile vi riesca in breve, con tutte e tutti i "non regolari", ecco la novità: li farà scomparire nelle carceri. Al primo Consiglio dei ministri del governo Berlusconi IV, convocato per oggi in una Napoli sommersa dai rifiuti che fa impallidire le retoriche elettorali sul «declino» del Paese e che i club dell'onorevole Brambilla beffano ulteriormente col loro maquillage, tutto è già programmato. Specialmente quest'ultimo «pacchetto Maroni». A marcare da subito la condotta politica dell'esecutivo con lo stigma del rude «rigore» leghista, il ministro dell'Interno ha predisposto la sua innovazione legislativa. L'immigrazione irregolare, tout court clandestina, diventerà reato penale. Siccome era un po' troppo anche per Berlusconi stravolgere il codice con un decreto, l'innovazione è affidata ad un disegno di legge che punirà il "reato" con la galera, da 6 mesi a 4 anni. Ma intanto il decreto ci sarà, subito: per prevedere l'aumento d'un terzo della pena nei casi in cui un delitto sia stato commesso, appunto, da migrante «non in regola».

C'è un slogan in voga tra i movimenti di mutuo soccorso in Spagna, da prima dell'«era Zapatero» e valido anche sotto di lui. Suona così: «Nessuna persona è illegale». Ecco: qui sta il confine d'una intera civiltà. Quella dei diritti universali come dell'assunzione di responsabilità rispetto alla disumana diseguaglianza di un mondo di sfruttamento cieco, e ai suoi effetti. Mentre dall'altra parte c'è la fungibilità dei diritti e la lotta non già contro le cause ma contro le vittime. Quando è scaduto, s'intende, il tempo concesso al loro sfruttamento: come lavoratrici e lavoratori perfettamente "al nero", perfetti per i padroni. Schiavi che toglieranno l'incomodo di esistere socialmente, assicura adesso lo Stato. Come si sarebbe detto in altre, precise circostanze storiche? Lo stesso, forse, che si diceva dei Rom? Non-persone?
Si è parlato dopo le elezioni di una sinistra andata in clandestinità. Ora, sarà bene che ci vada davvero: che stia cioè coi clandestini. O con loro o contro, ossia a destra.
 

Da Liberazione del 21 Maggio 2008

 

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode