Fare della SADAM la vertenza della città

07.03.2008 11:21
No alla chiusura dello zuccherificio. Fare della Sadam la vertenza della citta’

Sadam

La scelta dell’Eridania SADAM di dismettere la produzione di zucchero dallo stabilimento di Jesi rappresenterebbe una vera e propria beffa ai danni dei lavoratori, dei produttori agricoli e del territorio della Vallesina, operata con cinismo e faccia tosta da chi è oramai incapace di sentire altro che non il suono degli Euro che, grazie a scelte quantomeno discutibili dell’Unione Europea supinamente accettate dai Governi nazionali, gli entrerebbero in tasca a fronte delle cessazione di un’attività che è invece un pezzo importante dell’economia, della storia e della cultura agricola e industriale di Jesi.

Anche l’atteggiamento di alcune istituzioni, in primis Governo e Regione, che sono apparentemente più preoccupate di non restare con il cerino in mano (e probabilmente di non creare troppe difficoltà all’azienda e a quelli, vedi la Coldiretti, che ne hanno, per motivazioni non del tutto nobili, sposato le ragioni), sembra operare per rendere inevitabile una  forse preordinata conclusione della vicenda.

In un quadro preoccupante, quindi, risuonano ancora più forti le parole e la determinazione di tutti coloro che hanno detto a chiare lettere che la città ed il territorio resisteranno con ogni arma a disposizione, compresa quella legata alle concessioni per l’attività della Turbogas, a questa scellerata decisione che tanti guasti rischia di produrre sull’occupazione e sull’economia dell’intero comprensorio.

Questi impegni e questa intransigente difesa dei legittimi interessi dell’intera comunità vanno resi più forti facendo della questione della SADAM la vertenza della città di Jesi e dell’intera Vallesina.

Proponiamo quindi alle organizzazioni sindacali, alle rappresentanze sindacali delle altre industrie jesine, ai partiti politici, alle associazioni di massa e ai cittadini di costituirsi, a fianco dell’Amministrazione comunale, in comitato permanente di lotta per la SADAM  e di affiancare i lavoratori dello zuccherificio nei presidi e nelle altre iniziative di lotta in fabbrica e sul territorio che verranno d’ora in avanti intraprese.

Solo una presa di posizione così decisa, solo una assunzione collettiva di responsabilità, solo la reazione dell’intera città di Jesi, accompagnate da iniziative di lotta adeguate, potranno contribuire a far cambiare idea anche a chi, come il Ministro per le Politiche Agricole, sembra oggi aver deciso da che parte stare. Ed è la parte sbagliata!

Uniti si vince”, si diceva una volta e forse mai frase è stata più indicata a segnare un percorso che riteniamo indispensabile per ottenere dalla SADAM il ritiro della decisione di chiusura ed il mantenimento degli impegni sottoscritti solo pochi mesi fa. Il Partito della Rifondazione Comunista per parte sua farà, a tutti i livelli locali e nazionali, quanto necessario e possibile perché questa vicenda si possa concludere con una vittoria dei lavoratori della SADAM, delle istituzioni locali, dei cittadini di Jesi e dell’intero territorio.

 

PRC JESI

Circolo Karl Marx

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode