Di Lello: «La superprocura è un'aberrazione: lo vieta la nostra Costituzione»

02.06.2008 14:07

 

Di Lello: «La superprocura è un'aberrazione: lo vieta la nostra Costituzione»

di Romina Velchi

su Liberazione del 01/06/2008

 

Il procuratore generale di Napoli Vincenzo Galgano sui giornali di ieri usava parole molto pacate, nell'evidente intento di non alimentare la polemica, anzi, se possibile, di calmare le acque. «Una fronda della magistratura contro il potere politico? Ma nemmeno per sogno». Certo «i reati non si valutano per opportunità, se ci sono vanno perseguiti», ma «qualunque governo rappresenta il popolo e vogliamo che la magistratura non sia leale? Non scherziamo». Ma è evidente che sulla superprocura per l'emergenza rifiuti saranno scintille tra governo e magistratura. Perché quello che si prefigura all'orizzonte è uno scontro di poteri in piena regola.
D'altra parte lo scopo dichiarato della superprocura è proprio quello di "neutralizzare" eventuali altre inchieste come quella che ha portato in carcere 25 persone, tra cui alcuni stretti collaboratori del capo della protezione civile Guido Bertolaso. Lo ha spiegato chiaramente lo stesso Berlusconi: «Serve a evitare singoli interventi locali di magistrati che fermano il circuito positivo» dell'azione dello stato; e se «si interrompe un solo anello del circuito si ritorna ai rifiuti per strada».
Come ovvio, non l'hanno presa bene i pubblici ministeri napoletani. In 75 (su 102) hanno inviato una lettera al Consiglio superiore della magistratura, sottolineando che «negli ultimi anni diverse indagini preliminari hanno accertato la consumazione di gravi violazioni della legge penale, tutte afferenti all'attuale sistema di raccolta, trasporto, stoccaggio, recupero e smaltimento» dei rifiuti; che il decreto del governo non sembra «assecondare e sostenere» tale sforzo; e soprattutto che il provvedimento «solleva non poche perplessità di conformità al modello costituzionale». E dubbi arrivano anche dall'opposizione e in particolare dall'Italia dei valori, sempre in prima fila quando si tratta di criticare i metodi di Berlusconi: «Mettere sullo stesso piano i magistrati e i violenti - sottolinea Massimo Donadi, presidente dei deputati Idv - significa non avere senso dello Stato. Spiace dovere sottolineare come la logica del presidente del Consiglio sia sempre la stessa: i magistrati sono nemici da combattere ogni qual volta non applicano le leggi come farebbe comodo a lui».
Ma il premier non intende fare marcia indietro (anche se, così pare, è già iniziato un lavoro di "limatura" sul testo del decreto). Ne va della sua credibilità, non può permettersi di fallire proprio a Napoli e ai pm napoletani replica che «un ordine dello stato non può vivere in un empireo» e comunque «non esistono problemi di costituzionalità» perché le leggi non sono un «moloc assoluto, devono essere adattate per far vivere meglio i cattidini».
Non sarà così semplice. Intanto la questione della incostituzionalità è tutt'altro che infondata. «La nostra Carta fondamentale proibisce la costituzione di giudici speciali o straordinari, cioè, per esempio, incaricati di occuparsi di un unico problema o la cui competenza sia concentrata in un'unica regione - spiega infatti Peppino Di Lello, il magistrato che lavorò nel pool antimafia con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, già senatore per il Prc - Questo non solo perché la legge deve essere uguale per tutti, ma anche per salvaguardare il principio che la giurisdizione non può non essere amministrata con gli stessi criteri in tutto il territorio nazionale. Creare una superprocura in una sola regione e dedicata ad un singolo problema è, perciò, un'aberrazione». Il governo, però, sostiene che anche le direzioni distrettuali antimafia, per esempio, sono una sorta di superprocura. «No, non è la stessa cosa - contesta Di Lello - perché i giudici antimafia operano a livello nazionale e in ogni corte d'appello c'è un procuratore distrettuale. Lo stesso vale, per esempio, per il giudice fallimentare: si occupa di fallimenti, ma in ogni tribunale c'è una sezione apposita». Il fatto poi che la superprocura sia "a tempo", perché legata all'emergenza (convenzionalmente si è stabilito il dicembre 2009), non fa che «ribadirne la natura speciale». Cioè, «al di fuori di ogni legalità e legittimità democratica» rincara Giovanni Russo Spena (ex senatore del Prc).
Ma c'è un altro ordine di problemi, forse persino più grave, avverte Di Lello. Ed è «l'ingerenza del potere esecutivo sul potere giudiziario: ad un certo punto si decide di istituire un giudice speciale per risolvere problemi che però riguardano il governo, l'amministrazione della cosa pubblica. I processi pendenti presso i vari tribunali dovranno essere accentrati a Napoli e questo lo si fa, dicendolo esplicitamente, per sciogliere nodi di natura amministrativa e per impedire a singoli magistrati di proseguire nella loro attività». Anche se gli arresti dell'inchiesta campana gli sembrano «esagerati», resta che il governo «entra a gamba tesa in un problema di stretta natura giudiziaria - attacca Di Lello - facendo sembrare sempre più pressante la necessità per l'azione di governo di sottrarsi ai controlli di legalità».
Con il rischio di provocare un grave corto circuito. Per quanto super, infatti, una procura non potrà mai avallare decisioni che vadano contro le leggi, per esempio, di tutela della salute pubblica (basta pensare al fatto che la Commissione europea avrebbe già espresso delle riserve sulle deroghe contenute nel decreto in materia di valutazione di impatto ambientale). «Se il sito di Chiaiano è inidoneo, in base alle leggi vigenti, ad ospitare una discarica - spiega infatti l'ex senatore - nemmeno la superprocura potrà farci niente». A meno che l'esecutivo non voglia giudicare l'esercizio giurisdizionale un intralcio all'azione del governo e intromettersi nell'attività giudiziaria, con buona pace della separazione dei poteri: «Ma anche così, bisognerebbe cambiare prima le leggi; finché non cambiano la superprocura non potrà passare sopra una violazione di legge».
Poi, magari, qualcuno solleverà la pregiudiziale di costituzionalità del decreto; la Consulta deciderà che è incostituzionale e il provvedimento decadrà. Ma intanto si sarà perso del tempo e sarà stata aperta una discarica o costruito un inceneritore che scopriremo essere totalmente illegali.

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode