Combattiamo la povertà, non i poveri

23.05.2008 10:52

Combattiamo la povertà, non i poveri

Il primo consiglio dei ministri, riunitosi ieri a Napoli, introduce il reato di clandestinità. La malattia si cura eliminando il malato, questa la cifra del nuovo governo

di Stefano Galieni, responsabile dipartimento Immigrazione Prc

Più che un articolo una lettera aperta, rivolta a coloro che, anche nella comunità del nostro partito, vivono con disagio, malcelato fastidio, pregiudizio, la presenza rom e sinti nelle città italiane. Sono tante e tanti, scrivono lettere su “Liberazione”, arrivano a cambiare orientamento di voto in maniera drastica a causa di un campo che si è formato a poche decine di metri dalla propria abitazione, per un furto subito nell’appartamento, per l’incontro quotidiano con la povertà, sbattuta in faccia da una mano tesa. Inutile far leva su “buonismi” e solidarismi di sorta; pietà l’è morta in tutta la società incattivita di cui facciamo parte, nell’aria che respiriamo, nei ritmi di vita, di lavoro, nelle solitudini e nell’assenza di relazioni reali, anche fra comuniste/i. Il generale e diffuso clima di odio nei confronti di è ritenuto la piaga, il capro espiatorio su cui scaricare tutta la propria impotenza individuale e collettiva, non dispone alla commozione.
 
L’appello è allora all’utilizzo dei mezzi della conoscenza, di quel barlume di pensiero razionale che ci dovrebbe distinguere anche nell’agire politico, provare insomma a scardinare i concetti e le esperienze concrete o (ancor più) mediatiche, in nome di un presente che va modificato. Si tratta di provare ad entrare in un mondo altro che è altro fino ad un certo punto, visto che alcuni degli aspetti più deteriori, quelli che più si condannano, sono mutuati dal nostro comune sistema valoriale, come i reati più violenti o quelli che producono reale danno sociale. Nessuna visione romantica, ma qualche dato. Rom e sinti in Italia sono più o meno 150 mila, in percentuale il belpaese si colloca al 14° posto in quanto a presenze. Oltre il 50% sono di cittadinanza italiana, una parte è addirittura qui da 5 secoli, un’altra percentuale altissima è costituita da minori nati in Italia o addirittura da genitori nati in Italia, eppure sono persone che non esistono, che da un giorno all’altro possono essere deportate in paesi che non hanno mai visto in vita propria.
 
Lentamente, laddove le amministrazioni hanno dato segnali incoraggianti fondati non sull’assistenzialismo ma su un comune senso di responsabilità, aumenta la scolarizzazione, si disgregano le condizioni più disagiate, si assiste a piccole ma significative esperienze di emancipazione sociale. Senza essere assimilati, scegliendo fra le opportunità culturali ed economiche migliori, nascono nuove identità che sovvertono la tradizione ma la rinnovano senza adeguarsi passivamente agli standard di vita nostrani. Chi non ci riesce o non c’è ancora riuscito, chi è giunto da poco, magari fuggendo da paesi come la Romania dove l’antiziganismo è forte e radicato, diviene “il problema” il simbolo con cui rappresentare comunità diverse, complesse e articolate. Laddove, soprattutto nelle aree metropolitane, l’assenza di opportunità alloggiative si traduce nel sorgere di precarie baraccopoli o di campi abusivi, si realizza il massimo attrito.
 
Sono quelli che danno “fastidio” che arrecano danni all’immagine delle “belle città”, quelle e quelli che vivono lungo gli argini dei fiumi, nelle periferie dove la vita è già degradata, quelle e quelli che tendono la mano, raccolgono o a volte rubano ferro e metalli vari, vivono alla giornata coniugando il bisogno del “cellulare” con quello del riuscire a mangiare due volte al giorno. Poveri, forse più irriducibili del sottoproletariato urbano di 30 o 40 anni fa, proveniente dal meridione e alla ricerca di migliori condizioni di vita, nella speranza indefinita di un futuro più giusto, almeno per i propri figli, i cui strumenti culturali (il dialetto, gli antichi mestieri) erano, come oggi, considerati inutili per le nuove nicchie economiche. E allora perché non riaffermare un valore razionale come la memoria? Perché non cercare gli strumenti per combattere la povertà e non i poveri?

E invece in queste ore il consiglio dei ministri ha varato la proposta di legge che introduce il reato di clandestinità. Il che vuol dire perseguire una persona perché sfugge alla fame e alle guerre, perseguirla perché cerca un luogo per costruirsi una vita. Senza contare il fatto che affrontare la questione della clandestinità sul piano amministrativo o affrontarla penalmente significa aggravio di tempi, costi e patrie galere, se proprio non si volesse tenere in alcun conto la vita di un essere umano.

Invece noi non solo
ne vogliamo tenere conto, ma diciamo che da questa, che è una precondizione, bisogna partire. Perché baraccopoli e campi non sono una scelta di vita ma una condizione imposta, quantomeno dalla necessità di coniugare diversi fattori. Non voler rompere i vincoli di una famiglia allargata, non aver quasi mai accesso ad edilizia popolare, ritrovarsi con redditi al di sotto della soglia di sopravvivenza dopo essere fuggiti da paesi in cui le condizioni di vita erano ancora peggiori. Partendo da queste basi costruire convivenza è difficile ed è chiaro che in un periodo in cui la vita di ognuno è sottoposta ad una perenne precarietà sociale, affettiva, economica, la reazione immediata, di pancia è la ricerca di un avversario facile da affrontare. Non solo: nell’aggregarsi contro un insediamento, nell’invocare severità, ordine e rigore si ricompattano comunità urbane altrimenti dissolte, fragili, sommatorie di solitudini. Ma siamo certi che senza il campo sotto casa la nostra vita sarebbe felice?
 

Che avremmo risolto i nostri problemi? Sappiamo che non è vero come sappiamo che allontanamenti, sgomberi, espulsioni, demolizioni, deportazioni, nulla risolvono, nascondono solo momentaneamente la polvere sotto il tappeto. Ma la polvere riemerge, le persone tornano, si muovono, si nascondono e riappaiono, come fantasmi che vagano per le città a ricordarci su quali fragili basi poggi il nostro raggiunto benessere. E allora forse bisogna cominciare a pensare a soluzioni “altre”, a costruire, ad esempio, attorno a situazioni di emergenza, soluzioni partecipate che includano il miglioramento delle condizioni di vita delle persone tutte, autoctone e rom. Abbattere i campi, certo, ma per costruire quartieri in cui si possa imparare a convivere, in cui affrontare, insieme, i problemi del territorio, trovando, insieme, soluzioni.


Roma, 22 Maggio 2008

da www.rifondazione.it

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode