Caro mutui, l'accordo ABI-Governo è inutile

24.05.2008 18:29
 

Caro mutui, l'accordo Abi-governo è inutile, Ecco una alternativa

 

La proposta di Adusbef

Mauro Novelli*
Tremonti e Faissola (presidente Abi), ripresi da grancasse mediatiche di risulta, parlano di ribassi, di risparmi, di alleggerimenti oggettivi per i mutuatari. Ma i risparmi annui sbandierati sono fumo negli occhi. Cerchiamo di capire perché. Ecco le stime di Adusbef.
Ipotizziamo che un mutuo a tasso variabile trattato oggi al 6% venga ricondotto al 4,5%. La minore rata mensile comporterà una riduzione dell'esborso annuo che, rivalutato, verrà accodato alla fine del mutuo:
- per un mutuo da 100mila euro a 10 anni significano 74 euro al mese in meno (888 l'anno), mentre per un mutuo da 100mila euro a 20 anni rispettivamente meno 83 euro (e meno 996)
- per un mutuo da 200mila euro, invece, l'esborso della rata mese a 10 anni si riduce di (1896 anno), quella a 20 anni di 166 euro (1992 anno) e infine quella a 30 anni di 186 euro (2232 anno).
Ora ipotizziamo che l'euribor (il tasso di riferimento europeo) da questo momento non vari più. Ipotizziamo anche che i minori importi pagati dai cittadini siano rivalutati dalle banche al tasso del 5% (orientativamente, Irs: 4,5% + spread dello 0,5%) e che l'Irs non cambi più. E valutiamo le ripercussioni dell'accordo, ad esempio, su un mutuo di 100mila euro a 20 anni e scopriamo che l'importo annuo (996 euro) pagato in meno dal cittadino per il numero di anni che restano alla fine del mutuo, ricapitalizzato al tasso del 5%, darà luogo ad un allungamento di ulteriori:
- 9,1 rate/mese se mancano 5 anni alla fine del mutuo;
- 20,7 rate/mese se mancano 10 anni;
- 35,6 rate/mese se di anni ne mancano 15.
E' evidente che se l'euribor dovesse crescere, il numero di rate accodate alla fine del mutuo crescerà a sua volta.
Se invece scendesse al di sotto degli attuali livelli, il mutuatario avrebbe da riscuotere un credito. A fine mutuo.
Ed ecco la nostra proposta: Adusbef propone la sostituzione del decreto in via di perfezionamento (ma i cui termini sono stati curiosamente anticipati come se fosse già in vigore), con una nuova norma in grado di imporre alle banche di dar seguito, a costo zero, alla richiesta di ristrutturazione del mutuo richiesta dal cliente. Al legislatore poi la responsabilità di valutare se non sia il caso di introdurre un livello di tasso predefinito, come avvenne per il decreto Amato del 2000 n° 394. Amato giustificò la sua iniziativa col veloce declino dei tassi di interesse correnti. Tremonti potrebbe far leva sugli utili realizzati dalle banche negli ultimi anni che come raccontanto i dati ufficiali di Bankitalia, dal 2002 al 2006, sono passati da 16 miliardi di euro a 30,5 mld con un incremento del 91%, con utili netti ovvero profitti dopo le tasse cresciuti dai 10 miliardi del 2002 ai 22,7 del 2006 con una crescita del 130%.
Oltre a semplificare di molto le procedure, tale norma andrebbe ad integrare - e non a contrastare - lo strumento della surroga a costo zero del decreto Bersani, vista dalle banche e dalla casta dei notai come fumo negli occhi e mai osservata, nonostante fosse obbligatoria la sua applicazione.
Staremo a vedere.
*Segretario Adusbef


Liberazione 24/05/2008

 

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode