Capitalisti italiani numeri 1 in profitti, ballando sul Titanic

05.06.2008 13:11

Capitalisti italiani numeri 1 in profitti, ballando sul Titanic

di Claudio Jampaglia

su Liberazione del 03/06/2008

Il Fondo monetario internazionale ieri si è corretto e ha riconosciuto l'onore della calcolatrice ai ragionieri europei. Le stime di crescita dell'area euro sono un po' più alte di quanto previsto all'inizio dell'anno (con polemica Ue di contorno): +1,75% nel 2008 e +1,25% nel 2009. «Matematicamente avevamo torto - ha ammesso il capodelegazione Fmi - ma resta la traiettoria al ribasso con un forte rallentamento nei prossimi trimestri». La locomotiva euro sbuffa, in salita. Colpa degli shock globali che non avevano ancora investito questa sponda dell'Atlantico (leggasi mutui subprime ), comunque non esauriti altrove: «Rimangono ampi rischi a causa delle turbolenze finanziarie in corso». In questo clima, ciò che preoccupa l'Fmi è riportare l'inflazione sotto il 2% entro il 2009, anche se «il percorso è soggetto a un inusuale alto grado di incertezza, a causa dei prezzi delle materie prime e dei prodotti alimentari».
Quindi: crescita in rallentamento, perturbazioni finanziarie in agguato e inflazione a rischio. Un bel quadretto. Se lo appendiamo in Italia, appaiono più chiare le timidezze riformatrici e il sostanziale appello all'unità di naviganti e produttori lanciato da Bankitalisa sabato. Con qualche ma.

Primo : siamo in Europa quelli messi peggio col Pil (la crescita novecentesca), ultimi secondo l'Istat dietro a Francia e Germania con un misero 1,5% nel 2007 e ben lontani dalla Spagna (+3,8%). Siamo probabilmente tra i messi peggio anche per inflazione: +3,6% a maggio (record dal 1996) e forse più, visto che il nostro sistema è tanto poco credibile da aver sdoppiato il fenomeno prezzi tra percezione dei rincari altissimi e un paniere misurato con maggiore moderazione (ma guarda un po', lo specchio della sicurezza percepita e reale). Morale, il Sole24ore di ieri dedicava una pagina al tema: "Lo scudo dell'euro non ha difeso casa e risparmio, costi cresciuti più del doppio dal '98 ad oggi per immobili, assicurazioni e servizi bancari". Con tanto di tabelle a testimoniare come nel decennio 98-08 non solo il bene rifugio per eccellenza degli italiani (la casa) sia diventato anche altamente speculativo (+110% nei centri urbani di aumento del prezzo del metro quadro), ma anche lo scontrino medio del supermercato sarebbe aumentato del 41,4%, per non parlare di benzina e gasolio (+66% e +119%), del treno (+60% sulla tratta Roma-Milan) o dell'aereo (+41% sullo stesso percorso).

Secondo : se non cresce l'economia e l'inflazione picchia duro ci dovremmo aspettare una politica espansiva per i redditi e interventi per sostenere la crescita buona (tecnologia e lavoro, insieme). A parole lo disse - più o meno - il governo Prodi con lo slogan "tornare a crescere", ora con la parola magica "più produttività" (anche quella tra le minime d'Europa) lo promettono Marcegaglia, Draghi, i sindacati, Tremonti (quasi). Senza però nominare, come ha sottolineato Brancaccio domenica su Liberazione e come ci fa notare Marcello De Cecco su Repubblica di ieri, l'anomalia tutta nostrana - e stra-nota - di un settore industriale di piccole imprese (9 addetti in media) che negli ultimi anni ha portato il lavoro autonomo interno al settore al 18% del totale (contro il 2-4% nel resto dell'Europa a 15) perché come scrive l'Istat: «Le imprese italiane hanno trovato conveniente puntare sull'intensificazione del fattore lavoro, tanto che nonostante il ristagno delle retribuzioni, si registra un aumento relativo del costo del lavoro per unità di prodotto». Il "miracolo" italiano della crescita degli occupati (+1,7 milioni tra 1999-05), lasciando stare per un momento la precarietà, sta tutta - come De Cecco sottolinea soprattutto per il settore dei servizi - in «una pletora di micro-imprese a bassa produttività che possono solo pagare salari bassi e richiedere lavoratori a bassa qualifica». Lavoro da immigrati, per dirla cruda. A cui gli italiani si dovranno riabituare, in mancanza d'altro (un piccolo corollario alla necessità del "nemico-straniero-delinquente" mai da sottovalutare).

Terzo : «I profitti e quindi la redditività del capitale investito sono stati in questi anni soddisfacenti - scrive De Cecco - Se non per il paese, almeno per le imprese, la strategia finora seguita è stata pagante». Anche qualcosa in più. Come testimoniano i dati Sole24Ore sulle società quotate in Borsa. «Italiane prime in Europa per distribuzione dividendi», così domenica il confindustriale titolava una dei suoi utili box. Come succede da alcuni anni, le 300 società italiane di Piazza Affari hanno fatto il record di profitti distribuiti agli azionisti: il 55% degli utili. Il 15% in più del resto dell'area euro. Crescono poco, non innovano, non fanno ricerca, sono frenati da uno Stato pesante e inefficiente, gli mancano le strade e pure il Ponte sullo Stretto, ma a intascare profitti, i capitalisti italiani sono i N.1 in Europa. E via in Liechtenstein o sullo yacht. Sarà per questo che crescono così tanto i consumi di beni di lusso (e mancano risorse alle loro stesse aziende per crescere)?

Ultimo : abbiamo il capitalismo più fragile o straccione o familista o come volete voi d'Europa, uno Stato piegato a un ventennio liberista senza che nessuno abbia fatto rispettare le minime regole di concorrenza (Bersani, forse, escluso) e un bassissimo conflitto sindacale, ma il problema non è solo economico (e politico), è culturale. Con questi padroni, si va a picco. Come sul Titanic.

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode