Assalto fascista all'università, comincia così l'era Alemanno

28.05.2008 19:08


 
 

 

 

Assalto fascista all'università, comincia così l'era Alemanno

 

In quattro, di Forza Nuova, aggrediscono con mazze e cinghie studenti di sinistra fuori dalla Sapienza. La questura arresta tutti quanti per «rissa aggravata». Oggi processo per direttissima. Presidi e proteste  

 

Angela Mauro
«Un'aggressione così alla Sapienza? L'ultima che ricordi risale almeno agli anni '90...». Un "compagno" di matura esperienza nei movimenti romani sforza la memoria. La convulsa giornata dell'ateneo capitolino sta per volgere al termine, lasciandosi dietro un clima che non promette bonaccia.
«Aggressione. Premeditata. Di stampo squadristico. Fascista». La frase viene ripetuta all'infinito, urlata al megafono, spiegata alle telecamere. Quello che è successo intorno alle 13 in via De Lollis, nei pressi della mensa universitaria, non è stato un episodio di "scontri tra studenti di destra e studenti di sinistra". I primi lanci d'agenzia l'hanno messa così. «Ma noi la conosciamo questa retorica dell'equidistanza. Non è così: è violenza reale!». Ore 14 circa. Davanti a Lettere si è già raccolta una discreta folla. Per denunciare un fatto che già da lunedì si temeva potesse accadere. Due giorni fa, l'occupazione della presidenza di Lettere da parte della Rete per l'Autoformazione e del Coordinamento dei Collettivi aveva indotto il rettorato a revocare l'autorizzazione, concessa dal preside di facoltà Guido Pescosolido, per un convegno di Forza Nuova sulle Foibe (in programma per domani, ospite il leader dell'organizzazione di destra Roberto Fiore). Vittoria. In un'aria malsana. Revocato il convegno, confermato il "presidio antifascista" giovedì mattina, più assemblea oggi. E' successo tutto (tutto?) prima.
Il racconto. Tarda sera di lunedì, intorno a mezzanotte-l'una. Una trentina di "fascisti" si aggirano intorno alla cittadella universitaria. Attaccano i manifesti dell'iniziativa sulle "Foibe, l'unica verità", con tanto di Pinocchietto "antifascista". Martedì mattina, la cinta muraria dell'ateneo è tutta marchiata. Una quindicina di studenti dei collettivi di sinistra decide il "contro attacchinaggio": sui manifesti col Pinocchio, quelli dell'assemblea di oggi, tra gli ospiti annunciati docenti come Alessandro Portelli, il presidente della Comunità Ebraica romana Riccardo Pacifici. «Non facciamo nemmeno in tempo ad iniziare, che arrivano...», racconta uno di loro, del sangue gli riga ancora la gamba. Sono in quattro, due teste rasate, uno molto tatuato, tutti sulla trentina e passa. Si fermano con una Hyundai Matrix. Scendono con bastoni e spranghe e cominciano a picchiare. Pieno giorno, c'è gente in via de Lollis. Gli intimano di fermarsi. Per colpire, si servono anche di una sedia (struttura in ferro, sedile in legno) "presa in prestito" da uno degli ambulanti immigrati che stazionano ogni mattina intorno all'università. «Abbiamo reagito per legittima difesa. Ma loro erano armati, noi no», racconta Carlo, giovane studente. La zuffa dura dieci minuti, la Hyundai danneggiata resta lì per gli scatti dei fotografi e i rilievi della polizia. Anche alcune mazze restano lì, sull'asfalto. Gli aggressori non scappano (o non fanno in tempo), all'arrivo degli agenti. Tanto che due di loro vengono portati al Pronto Soccorso del vicino Policlinico Umberto I e poi in questura. Uno dei due è un "volto noto" delle aggressioni fasciste in città: Martin Avaro, coordinatore provinciale di Forza Nuova, coinvolto nell'inchiesta sul raid al parco di Villa Ada l'estate scorsa. «E' quello di Nazirock». Volto noto, appunto. Avaro è uno dei protagonisti del documentario di Claudio Lazzaro. La voce fa il giro della facoltà in un battibaleno. In ospedale finiscono anche due dei collettivi, Emiliano e Giuseppe, di Scienze Politiche. Il primo con gravi lesioni alla testa (25 punti), il secondo alla spalla, in entrambi i casi si tratta di ferite procurate con chiodi o cacciaviti. E pure Emiliano e Giuseppe vengono portati in questura, dove si trovano già altri due di Forza Nuova. Dopo gli interrogatori, il verdetto è identico per tutti e sei: rissa aggravata. Il processo per direttissima si terrà stamane. La tesi dell'equidistanza ha vinto e i collettivi non la prendono bene. Questa mattina ci sarà un presidio davanti alla procura (Piazzale Clodio, ore 9). L'assemblea a Lettere è rimandata al pomeriggio, confermato per domani anche un "presidio antifascista" in ateneo.



Liberazione 28/05/2008

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode