Anm contro il reato di clandestinità. Prostitute col foglio di via: è polemica

07.06.2008 13:53

 

Anm contro il reato di clandestinità. Prostitute col foglio di via: è polemica

 

La sicurezza continua a far discutere: per il disegno di legge fioccano emendamenti squilibrati. Come quello sulla prostituzione

Antonella Marrone
La giornata di ieri, per la serie decreto sicurezza, ha registrato due picchi di dibattito: il primo fra Anm e ministro della Giustizia, Angelino Alfano, il secondo, a più voci, sulla pericolosità delle prostitute. L'associazione dei magistrati ha sostenuto che con l'introduzione del reato di clandestinità si rischiano «gravissime disfunzioni soprattutto nei piccoli uffici dell'Italia meridionale, maggiormente esposti al fenomeno degli ingressi illegali e sarebbe praticamente impossibile celebrare ogni giorni centinaia di udienze di convalida dell'arresto e processi per direttissima. Tutto ciò -ha aggiunto- senza alcun reale beneficio in termini di effettività delle espulsioni e riduzione del fenomeno dell'immigrazione clandestina». A stretto giro è arrivata la replica di Alfano, quella che conosciamo da giorni e che non regista nessuna marcia indietro né del presidente del Consiglio, né del governo: «Il reato di immigrazione clandestina esiste in numerose legislazioni occidentali e non ha creato guasti. Anzi, noi riteniamo che possa essere una misura di deterrenza forte che disincentiva l'ingresso nel nostro Paese di immigrati che abbiano la voglia di essere clandestini». Una voglia, c'è da scommetterci, che hanno tutti quelli che lasciano il proprio paese per cercare fortuna o felicità altrove. E veniamo alle prostitute: pericolose per la sicurezza. Il presidente della commissione Giustizia del Senato, Filippo Berselli, e Carlo Vizzini, presidente commissione Affari Costituzionali del Senato hanno veramente proposto un emendamento, nel famigerato pacchetto, che inserisce le prostitute tra le categorie passibili di esplusione in quanto «pericolose per la sicurezza e la moralità». Avete letto bene. Ora, questa posizione - più vicina al codice Rocco che alla Bibbia - piace a molti cattolici di destra, con alcune eccezioni come quella di Renato Farina e Giuseppe Pisanu che trova aberrante l'emendamento: «Lo scambio sesso-denaro comporta eguali responsabilità sia per la donna sia per l'uomo che partecipano. E' perciò aberrante attribuire unilateralmente alle prostitute di strada il presunto reato contro la sicurezza e la moralità pubblica, assolvendo a priori i loro clienti». Così la politica italiana - nelle sue componenti parlamentari - ha trovato finalmente qualcosa su cui dividersi con ardore, visto che non ci è riuscita sulle schedature, sugli assalti ai campi rom e quelli ai futuri campi sinti. Prescindendo, però, da alcune semplici considerazioni che arrivano, ad esempio, da chi lavora quotidianamente in uno dei "settori" più odiosi: la tratta di donne da paesi d'immigrazione. Donne di tutte le età, con famiglie in patria, attirate dal sogno di un lavoro, di una stabilità e portate sulla "strada". Per questo è molto preoccupata suor Maria Pia Iammarino suora anti-tratta (ce ne sono molte di religiose che lavorano su questo): «E' una soluzione che dimostra una politica miope e che metterebbe in gravissimo pericolo di vita le donne sfruttate dalla tratta, costrette a tornare nei loro Paesi». In un convegno internazionale in corso a Roma, che sta lavorando proprio alla creazione di un network internazionale contro la tratta, le suore hanno bocciato subito l'emendamento governativo sui rimpatri che ci porta indietro di anni nella comprensione culturale, antropologica della tratta. «Siamo veramente preoccupate - aggiunge - anche perché annulla un grande lavoro che stiamo facendo con i Paesi di origine. Molte prostitute vengono ingaggiate e sfruttate dalle organizzazioni criminali. Rimpatriarle senza nessuna attenzione va contro il diritto internazionale e mette queste persone in gravissimi pericoli. Perché alcune di loro possono essere sospettate di aver denunciato gli sfruttatori. Riportarle nei loro Paesi di origine senza nessuna tutela mette a rischio la loro vita. Va punito chi ha abusato di questa vulnerabilità, non le vittime. Non si può paragonare uno sfruttatore ad una ragazzina che è stata fatta prostituire». In questo modo, si creano ancora più spazi per il ricorso all'immigrazione clandestina e la prostituzione si sposterà ancora di più nelle case. Infine, un punto non secondario, «l'art.18 prevede la possibilità, per le vittime di sfruttamento, di avere delle tutele se denunciano o se entrano nei programmi di protezione sociale: in questo modo diventa inutilizzabile. E va anche contro la legge sulla tratta di esseri umani, che nell'art.13 garantisce alle persone sfruttate di godere di un programma di assistenza». Insomma non c'è proprio niente da difendere in questo emendamento. Eppure ci sono ben 5 illustri esponenti donne, del Pdl e de La Destra, che a vario titolo esultano: Letizia Moratti («Noi avevamo posto il tema della prostituzione nelle discussioni per il pacchetto sicurezza. Il fatto che sia stato inserito nel decreto, ci trova favorevoli perché è certamente una risposta»); Daniela Santanché («Ben venga l'emendamento sulla prostituzione, sono contenta, va nella direzione giusta»); Beatrice Lorenzin («Il foglio di via è un modo concreto per combattere la prostituzione su strada. L'osceno spettacolo di decine di migliaia di prostitute, spesso minorenni, che ad ogni ora del giorno e della notte affollano le nostre strade urbane ed extraurbane, deve finire»); Gabriella Carlucci («Sono convinta che la misura introdotta al pacchetto sicurezza produrrà un significativa contrazione degli ingressi clandestini di povere schiave da gettare sulle strade italiane»); Isabella Bertolini («È giusto lanciare un'offensiva anche contro la prostituzione. L'espulsione delle prostitute, che esercitano la loro professione per strada, è utile per garantire la sicurezza dei cittadini). Purtroppo non siamo su "Scherzi a parte". E' un laconico tg quotidiano.


07/06/2008

 

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode