ACCOGLIENZA E DIRITTI SOCIALI CONTRO L'INTOLLERANZA E IL RAZZISMO

31.05.2008 13:37

ACCOGLIENZA E DIRITTI SOCIALI CONTRO L'INTOLLERANZA E IL RAZZISMO

zingari.jpgAppuntamento il 31 maggio alle 15,30 in Piazza Nettuno per un presidio antirazzista   

Partito della Rifondazione Comunista - Federazione di Bologna 

firma la petizione al Presidente della Repubblica contro le violenze e la persecuzione di Rom e Sinti in Italia
 

Il Governo della destra sta portando a compimento un percorso legislativo xenofobo e poliziesco in materia di immigrazione iniziato con la Bossi-Fini.

Il Decreto Maroni con la richiesta di revisione in senso restrittivo del Trattato di Schengen, con la militarizzazione dei nostri mari per impedire gli sbarchi, prospetta un modello di società e di paese fortezza in cui si può migrare solo come forza lavoro da sfruttare e non come umanità in cerca di un futuro migliore.

L'introduzione del reato, con arresto, per immigrazione clandestina non farà altro che aumentare le distanze e l'odio tra chi oggi da immigrato ha superato le difficoltà e chi è da cacciare e tra questi e gli autoctoni.   Il risultato non sarà quello di garantire città più sicure, ma la crescita del disagio sociale, sarà riempire i penitenziari e i Cpt, intasare le aule di tribunale. E' un modo subdolo di rispondere al bisogno di sicurezza espresso dai cittadini perchè s'individua il capro espiatorio, il più debole o il diverso e attraverso una campagna massmediatica ben orchestrata, lo si perseguita e si caccia. Colpisce nelle parole delle madri di Napoli l'odio verso altre madri e altri figli. Un disastro culturale prima che sociale perchè domani quando quando tutti i Rom saranno stati cacciati si accorgeranno di trovarsi ad affrontare le stesse difficoltà di vita di oggi.   Quello che sta accadendo verso i Rom è però qualcosa di molto più grave. S'individua un intero popolo come colpevole dell'insicurezza collettiva, lo si denigra, poi gli si da la caccia. Iniziò così la persecuzione degli ebrei in Germania prima e in Italia poi con le leggi razziali del 1938. Si parla di umanità inutile, incapace di integrarsi nella nostra presunta "civiltà", un'umanità da cancellare.

In violazione dei diritti umani e delle norme internazionali, l'Italia ripiomba di colpo negli anni più cupi della sua storia: una deriva fascista e razzista che non avremmo mai più voluto rivivere.

E' una sconfitta umana prima che culturale e politica che deve far riflettere anche chi a sinistra con decreti d'urgenza ha contribuito ad aprire questa ferita sociale.   Ora tocca ai Rom e ai migranti, domani al diverso di turno. Non possiamo assistere in silenzio a questo disastro!   Chiediamo all'insieme delle forze sociali e politiche democratiche di questa città di dare un segno tangibile di opposizione a questa situazione di intolleranza e di costruire insieme forme di mobilitazione. Estendere i diritti sociali, civili e politici a chi vive in Europa, regolarizzare coloro che vivono già in Italia, lotta alla povertà e non ai poveri sono condizioni imprescindibili per tutti coloro che aspirano a un modello di società civile, pacifica, accogliente e interculturale.  

 

Partito della Rifondazione Comunista - Federazione di Bologna

Contatti

Prc Jesi, Circolo Karl Marx

prcjesi@libero.it , prcjesi@gmail.com

Via Giacomo Acqua 3,
60035 Jesi (AN)

TEL-FAX 0731-56776

Cerca nel sito

L'immagine “https://img231.imageshack.us/img231/4756/compagnorifpt3.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 

L'immagine “https://esserecomunisti.it/dati/ContentManager/images/Memoria%20storica/controrazzismo163.gif” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Appello contro un nuovo razzismo di massa.

Adesioni: razzismodimassa@gmail.com

 

link al testo dell'appello

 

L'immagine “https://liberazione.it/GONPDF/2008/06/06/RM0606-PUB02-9.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

 
La Crisi energetica ed ecologica
leggi e firma l'appello:
 
www.energiaperilfuturo.it/
 
Download Day - Italian

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

home.rifondazione.it/xisttest/content/view/2637/314/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  Comitato verità e giustizia per Genova:
 
Scarica e invia al sito della presidenza della Reupubblica https://servizi.quirinale.it/webmail/ ll'appello a Napolitano perché non firmi il decreto. Il testo in fondo all'articolo

© 2008 All rights reserved.

Crea un sito web gratisWebnode